Telefonini Cellulari Smartphone 140707182632
TELEFONIA 7 Luglio Lug 2014 1815 07 luglio 2014

Tim e Vodafone, i servizi di «recall» gratis si pagano

Dal 21 luglio svolta sugli sms 'chiamami'.

  • ...

Dal 21 luglio 2014 i servizi di recall gratis di Tim e Vodafone diventano a pagamento.

È durato pochi giorni il sollievo per il maxi-taglio dei costi di roaming in Europa.
Il risparmio sul traffico dati degli smartphone partito il primo luglio è pronto a essere compensato dalla mini-tassa che hanno escogitato Tim e Vodafone per i propri clienti.
Dal 21 luglio 2014 i servizi da sempre gratuiti come «Lo Sai/Chiama Ora» e «Recall/Chiamami» diventano messaggi a pagamento. E si può arrivare anche a 20 euro l'anno. Meglio non spegnere il cellulare, insomma.
Questi sistemi scattano nel momento in cui il telefono è irraggiungibile: spediscono al destinatario un sms che segnala chi ha provato a chiamare e avvisano il mittente quando la persona contattata torna di nuovo disponibile.
CON VODAFONE FINO A 21,90 EURO. Per gli utenti Vodafone il costo è di 6 centesimi al giorno. Nel caso il servizio venga usato tutti i giorni, in un anno si andrebbe a spendere 21,90 euro.
Chi ha Tim invece deve fare i conti con un importo fisso di 1,90 euro ogni quattro mesi: in totale 7,60 euro all'anno.
IL SERVIZIO SI PUÒ DISATTIVARE. C'è un modo per evitare l'imposta aggiuntiva? Sì, disattivare il servizio. Per Tim ci si può rivolgere al numero 40920, Vodafone ha messo a disposizione il 42070.
FEDERCONSUMATORI: «GESTORI COMODI...». La doppia mossa non è certo piaciuta a Federconsumatori: «I due gestori se la stanno prendendo molto comoda nell'informare i propri clienti della prossima novità», ha attaccato l'associazione che difende gli interessi degli acquirenti. «E coloro che hanno attivato questi servizi sulla propria linea corrono il rischio di ritrovarsi addebitati dei costi che non sospettavano di dover sostenere».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso