Datagate Commissione 130702101922
RAPPORTO 8 Luglio Lug 2014 1630 08 luglio 2014

Fondi Ue, Italia recupera il ritardo nella coesione

Dall'energia alle Pmi: impegnato il 100% delle risorse finanziarie.

  • ...

La sede della Commissione europea a Bruxelles.

In Italia c'è stato un «recupero dei ritardi nella programmazione» e sono stati conseguiti alcuni «risultati significativi» nell'attuazione della Politica di coesione 2007-2013. Ciò emerge da una prima lettura dei tecnici della Commissione dei rapporti annuali con cui gli Stati danno conto a Bruxelles dell'attuazione dei programmi.
PIÙ POSTI DI LAVORO. Il 100% delle risorse finanziarie risulta impegnato. In particolare, i dati relativi agli interventi del Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr), al 31 dicembre 2013, «testimoniano importanti effetti della politica di coesione in Italia», come la creazione di 58.564 posti di lavoro; 3.098 Kilo-tonnellate in meno di Co2 nell'atmosfera; 1.311.028 persone con copertura di banda larga; 5.494 progetti di ricerca e sviluppo; 34.828 progetti di investimento in Pmi, 3.112 start-up; 2.390 progetti di energia rinnovabile; 195 Kmq di aree riqualificate; 670 progetti di prevenzione di rischi naturali; 4.083.810 studenti che utilizzano nuove tecnologie nell'ambito del miglioramento della didattica.
NECESSARIA UN'ACCELERAZIONE. Tuttavia la Commissione «auspica che siano accelerate ulteriormente le procedure di attuazione dei progetti affinché i cittadini e le imprese possano beneficiare pienamente degli interventi dell'Unione europea in Italia».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso