Economia 9 Luglio Lug 2014 1102 09 luglio 2014

Citigroup pronta a pagare 7 miliardi di multa

La sanzione è su titoli legati a mutui suprime. Dopo mesi di trattative c'è un accordo con le autorità americane.

  • ...

Citigroup Il mercato azionario aveva già scontato nella seduta dell'8 luglio la possibilità che altre banche oltre a Bnp Parobas abbiano fatto affari con Paesi sottoposto al embargo negli Stati Uniti. E puntuale è arrivata la conferma che oltre a Commerzbank e Deutsche Bank, sospettate della prima ora, adesso ci sarebbe anche Citibank ne mirino del Governo americano, na per tutta un'altra storia: vendita di titoli garantiti da ipoteca immobiliare. Bnp Paribas, che ha patteggiato una multa da 9 miliardi di dollari, la più grande della storia, pare aver davvero aperto la strada ad altri casi. Non solo in America. C'è chi ipotizza, infatti, che anche le banche europee dovrebbero essere preoccupate. CITIGROUP SAREBBE PRONTA A PAGARE 7 MILIARDI Ed è proprio Citigroup, terza banca in America per asset in gestione, la prima che potrebbe arrivare a patteggiare una multa che, secondo rumors di mercato, si aggira intorno ai 7 miliardi di dollari. La sanzione è relativa alla vendita di titoli garantiti da ipoteca immobiliare. Il dossier della giustizia americana è arrivato nella mani di reporter del Wall Street Journal che hanno specificato anche i termini di pagamento della multa: circa 4 miliardi di dollari in contanti al Dipartimento di Giustizia e 3 miliardi di dollari in forma di rimborsi ai proprietari di case, in forma di sgravi o agevolazioni sui pagamenti di mutui. FALLITA LA MEDIAZIONE A 4 MILIARDI DI DOLLARI Secondo quanto ha ricostruito il quotidiano americano, Citigroup avrebbe provato a chiudere la trattativa con il Govereno patteggiando a meno di 4 miliardi, mentre le autorità Usa ne avevano chiesti 10 miliardi. Il tavolo delle trattative si era interrotto lo scorso 9 giugno con un nulla di fatto perché le posizioni erano inconciliabili. Adesso sembra che l'accordo sia stato trovato.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso