Ignazio Visco
PROSPETTIVA 10 Luglio Lug 2014 1330 10 luglio 2014

Visco: «Con le mosse della Bce, il Pil guadagna l'1%»

Il numero uno di Bankitalia: «Ma la ripresa è ancora debole».

  • ...

Il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco.

Le misure straordinarie della Banca centrale europea potrebbero portare a un aumento del Pil fino a un punto percentuale da qui al 2016. È quanto ha dichiarato il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, all'assemblea Abi: mezzo punto di rialzo sarà possibile se le banche adegueranno i tassi alla clientela e rimuoveranno le restrizioni all'offerta.
«EFFETTI RILEVANTI». Secondo il governatore, «gli effetti sull'economia italiana dell'insieme di misure adottate in giugno dalla Bce potranno essere rilevanti». Mantenute nel tempo, ha spiegato, «le variazioni dei tassi di interesse e del cambio che hanno seguito gli annunci di quelle misure determinerebbero un aumento del Pil stimabile in circa mezzo punto percentuale da qui alla fine del 2016. I prezzi al consumo registrerebbero un rialzo di entità analoga».
«LIQUIDITÀ FINO A 200 MILIARDI». La liquidità che la Bce si appresta a erogare da qui al 2016 attraverso le nuove operazioni Tltro (vincolate alla concessione di prestiti all'economia) potrebbe comportare per le banche italiane un ammontare «cospicuo», fino a 200 miliardi di euro.
«RIPRESA STENTA AD AFFERMARSI». Nell'area dell'euro, in ogni caso, «la crescita è ancora molto debole» e in Italia «la ripresa stenta ad affermarsi«. L'inflazione europea, pari a giugno allo 0,5%, ha aggiunto Visco, «resta ben al di sotto dei valori compatibili con la stabilità dei prezzi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso