Economia 24 Luglio Lug 2014 0937 24 luglio 2014

Vacanze: scambio casa in 3 mosse

  • ...

Scambio casa: i siti online che offrono questo servizio chiedono il pagamento di un abbonamento annuale. Più del 42%. È la quota di italiani che, secondo le stime di Confesercenti, nell'estate del 2014 hanno deciso di non andare in vacanza. Tra le spese per il viaggio, per l'albergo e i ristoranti, le ferie estive si sono trasformate da tempo  in un lusso che molti non possono permettersi. Per chi ha rinunciato a fare le prenotazioni, tuttavia, c'è ancora la possibilità di progettare all'ultimo minuto una villeggiatura low cost, risparmiando almeno sui costi del soggiorno. La soluzione arriva dallo scambio di casa tra turisti, un fenomeno nato in America più di 50 anni fa e sviluppatosi notevolmente con la diffusione di internet, che ha facilitato i contatti tra i proprietari di immobili in tutto il mondo. DOMANDA E OFFERTA SI TROVANO ONLINE Navigando sulla rete, infatti, si trovano decine di siti web interamente dedicati allo scambio di case e appartamenti, dove ognuno mette a disposizione la propria abitazione. Chi vive a Roma, a Firenze o in qualche località balneare, per esempio, può offrire ospitalità a un internauta che risiede in un'altra città, il quale si impegna contemporaneamente a concedere in cambio la propria dimora. Con questo sistema, si ha dunque la possibilità di trascorrere la villeggiatura senza spendere nemmeno un centesimo per l'alloggio. Chi possiede una seconda casa è particolarmente avvantaggiato poiché può mettere a disposizione il proprio immobile anche in periodi diversi da quello in cui si reca in vacanza. Ecco come si fa in tre mosse. 1) LA SELEZIONE DEL SITO GIUSTO: ABBONAMENTI ANNUALI DA 60 A 95 EURO L'ANNO Nei siti  dedicati allo scambio di case ci sono oggi migliaia di annunci provenienti da tutto il mondo, molti  dei quali contengono anche delle offerte last minute, per trascorrere  un soggiorno a fine luglio o ad agosto in alcune mete particolarmente gettonate dai turisti come Parigi o Londra. L'iscrizione a questi portali richiede di solito il pagamento di un abbonamento annuale, che permette  di pubblicare online la propria offerta e consultare quelle degli altri inserzionisti. Tra gli indirizzi più cliccati, c'è per esempio il sito Scambiocasa.com, che ha una tariffa di circa 95 euro all'anno e consente di accedere a un database di ben 50mila residenze in 150 diversi paesi. Il portale Homeforhome.com propone invece diverse formule di prezzo,  che variano tra  un minimo di 3,5 euro e un massimo di 6,67 euro al mese, più una prova gratuita dei servizi per i primi trenta giorni. Un altro sito molto popolare è Homelink.it, che richiede una tariffa di 60 euro per sei mesi di registrazione  e di 120 euro per un anno intero. Ci sono poi anche altri operatori più economici come Guesttoguest.com, che permette di inserire gratuitamente gli annunci e offre a pagamento soltanto alcuni servizi accessori.

Chi è proprietario di una seconda casa, può sfruttare il servizio scambio casa tutto l'anno. 2) ESTRANEI IN CASA: PRETENDERE UNA ASSICURAZIONE CHE COSTA FINO A 30 EURO Certo, far entrare nella propria abitazione dei perfetti sconosciuti (o quasi) è sempre un rischio. Per questo, i siti web dedicati allo scambio di case offrono anche alcune protezioni contro eventuali “guai” provocati dagli ospiti. Si tratta di coperture assicurative che, in cambio del pagamento di una tariffa aggiuntiva attorno ai 20-30 euro, permettono di ottenere un risarcimento fino a mille euro circa, qualora si verifichino dei danni all'abitazione. Per evitare grattacapi e inconvenienti di vario genere, però, è bene seguire anche delle ovvie regole di buon senso  Tutti i portali dedicati allo scambio di abitazioni raccolgono infatti anche i commenti e i giudizi sui proprietari, rilasciati da altri internauti che li hanno già conosciuti e sono stati loro ospiti. Prima di effettuare lo scambio, dunque, è consigliabile raccogliere un po' di informazioni sui potenziali partner disposti a barattare il proprio immobile per le vacanze. 3) IL GALATEO DELLO SCAMBISTA: NON DARE FREGATURE PER NON PRENDERLE A parte queste avvertenze utili per non subire fregature, non mancano poi alcune regole di buona condotta per operare nel pieno rispetto della controparte. Il consiglio più frequente, tra chi ha una certa esperienza nello scambio di case, è di far trovare gli ambienti della propria abitazione sempre in ordine e puliti e non dare mai informazioni sbagliate sulle caratteristiche dell'immobile, per esempio sulla posizione in cui si trova o sulle attrazioni turistiche e i servizi commerciali presenti nei dintorni. Chi racconta fandonie, infatti,  corre il rischio di essere additato dagli altri internauti come inserzionista poco affidabile e di farsi così una cattiva reputazione sulla rete.

Correlati

Potresti esserti perso