Economia 25 Luglio Lug 2014 0922 25 luglio 2014

Hedge fund Argentina: tutto fermo

  • ...

Fumata nera nella nuova sessione di trattativa fra il governo argentino e gli hedge fund sul rimborso dei "tango bond". Daniel Pollack, lo "special master" scelto dal tribunale di New York per favorire un accordo, ha ammesso alla fine dell'incontro che «le questioni che separano le parti continuano finora a non risolversi». In un breve comunicato diffuso da Pollack al termine di tre ore di colloqui, il mediatore ha dichiarato che i rappresentanti di Buenos Aires si sono rifiutati di incontrare quelli degli hold out, ossia i detentori di bond che non hanno accettato i concambi del 2005 e 2010, ai quali il Paese latinoamericano deve circa 1,5 miliardi di dollari, in applicazione di una sentenza del giudice Thomas Griesa, confermata in appello e dalla Corte Suprema di Washington. IL TRIBUNALE: L'ARGENTINA NON POTRA' PAGARE I DETENTORI DI TITOLI. Griesa ha anche stabilito che l'Argentina non potrà pagare i detentori di titoli che sì hanno accettato i concambi finché non arriveranno a un accordo con gli "hedge fund", bloccando così oltre 500 milioni di dollari depositati da Buenos Aires su conti della Bank of New York Mellon presso la Banca Centrale argentina. Se l'Argentina non copre questi pagamenti entro il 30 luglio sarà di nuovo in default sul suo debito estero. «Il tempo per evitare un default - ha avvertito Pollack - è molto breve», auspicando che "vi siano nuovi incontri fra le parti nei prossimi giorni».

Correlati

Potresti esserti perso