Economia 29 Luglio Lug 2014 1239 29 luglio 2014

Virgin America fa rotta su Wall Street

  • ...

Richard Branson Virgin America si prepara a sbarcare a Wall Street. La compagnia low cost con base in California creata da Richard Branson ha depositato la documentazione per l’Ipo (Initial public offering) alla Sec e annunciato di aver scelto Barclays e Deutsche Bank per gestire la quotazione. Ma non ha fornito altre indicazioni. La quotazione servirà a far crescere le destinazioni di Virgin America. Branson possiede solo il 22% (per legge in America c’è un tetto del 25% al controllo delle compagnie aeree da parte di un azionista straniero), mentre il 72% è in mano a Cyrus capital. L'imprenditore controlla anche il 51% di Virgin Atlantic, di cui Delta ha il 49%. TRA SAN FRANCISCO E LOS ANGELES. La startup fondata nel 2004, ma che ha ottenuto l’autorizzazione a volare solo nell’estate del 2007, opera da San Francisco e Los Angeles e, con una flotta di 53 aerei, vola su 22 destinazioni negli Usa e in Messico. A ottobre lancerà la nuova tratta New York-Dallas. A differenza dei diretti concorrenti dispone anche di posti in prima e business class. L’anno scorso, la compagnia ha trasportato 6,3 milioni di passeggeri, meno dell’1% del totale dei passeggeri trasportati dalle compagnie americane. NEL 2013 IL PRIMO UTILE DELLA SOCIETA'. Dal 2009 Virgin America ha perso circa 407,5 milioni. Il 2013 ha registrato il primo utile, con 10,1 milioni di dollari di profitti netti a fronte di 1,42 miliardi di ricavi, ma il primo trimestre 2014 si è chiuso di nuovo in rosso, con una perdita netta di 22,3 milioni e 313 milioni di fatturato.

Correlati

Potresti esserti perso