Economia 30 Luglio Lug 2014 1521 30 luglio 2014

Mediolanum, cala l'utile ma assume

  • ...

Massimo Doris, vicepresidente Mediolanum. Mediolanum ha chiuso il primo semestre con un utile netto consolidato di 164,9 milioni, in calo del 17% rispetto all'analogo periodo precedente che, ricorda il gruppo, aveva beneficiato di capital gain straordinari e di minori spese gestionali. Il risultato ha comunque superato le stime degli analisti, che prevedevano 161 milioni. In crescita le masse amministrate (+15% a 61,28 miliardi) sul giugno 2013 e del 6% rispetto a inizio anno, mentre il Common Equity Tier 1 Ratio è pari al 18,09%. La raccolta netta ha registrato un saldo positivo tra sottoscrizioni ed uscite pari a 1,89 miliardi, mentre la raccolta in fondi, che include anche le polizze 'unit-linked' è stata pari a 2,3 miliardi. Quanto alla controllata Banca Esperia (50% Mediolanum e 50% Mediobanca), l'utile netto è salito del 6% a 7,6 milioni, di cui 3,8 milioni di pertinenza di Mediolanum. Le masse amministrate hanno raggiunto quota 15,5 miliardi, di cui 7,75 miliardi di quota Mediolanum, in crescita dell'8% rispetto al 30 giugno 2013 e dell'1% rispetto a inizio anno. CENTO ASSUNZIONI ENTRO LA FINE DEL 2014 Massimo Doris, vicepresidente di Mediolanum, ha confermato la«crescita della raccolta con questo passo fino a fine anno: +6% da fine anno. Il gruppo sta investendo in nuove assunzioni (100 entro fine anno) e in tecnologia, con l'obiettivo di rinnovare la propria piattaforma operativa, dopo il lancio del nuovo sito, del pagamento via cellulare e della firma digitale.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso