Benigni 120828000013
APPOGGIO 1 Agosto Ago 2014 1401 01 agosto 2014

Benigni e Bertolucci, sì all'equo compenso

I due: «Ingiustificato scaricare aumenti sui consumatori».

  • ...

Roberto Benigni.

L'equo compenso sulla copia privata «non è una tassa».
I premi Oscar Roberto Benigni e Bernardo Bertolucci si sono schierati con il decreto Franceschini. «Le aziende che scaricano sui consumatori un loro obbligo», hanno dichiarato, «compiono un atto ingiustificato a difesa degli interessi finanziari di coloro che molto prendono e pochissimo restituiscono alla nostra cultura».
«NON È UNA TASSA». «Dopo l'adozione da parte del ministro Franceschini del provvedimento sulla copia privata», hanno aggiunto Benigni e Bertolucci, «è molto grave quanto sta succedendo in Italia. Si tratta del diritto attraverso cui è riconosciuto agli autori un compenso sulla diffusione delle loro opere su supporti mobili, applicato in molti Paesi e a livelli molto più alti di quelli italiani». Quindi, hanno concluso i premi Oscar, «la copia privata non è una tassa, ma un giusto compenso per chi produce creatività in questo Paese cercando e sperando di aiutarlo a migliorare. Per questo il ministro ha compiuto un atto dovuto a favore di coloro che lavorano nello spettacolo».

Correlati

Potresti esserti perso