Marino Roma Bilancio 140801131350
ECONOMIA 1 Agosto Ago 2014 1310 01 agosto 2014

Roma, bilancio 2014 approvato: manovra da 6,5 miliardi

Approvata con 21 voti. Soddisfatto Marino.

  • ...

Il sindaco di Roma, Ignazio Marino.

Ventotto voti favorevoli, 12 contrari e un astenuto: è questo l'esito della votazione dell'assemblea capitolina che ha approvato il bilancio 2014 targato Ignazio Marino (il sindaco era in Aula al momento dell'approvazione, assenti i politici del Movimento 5 stelle che hanno abbandonato i lavori prima del voto).
MANOVRA DA 6,5 MLD. I lavori del Consiglio comunale erano iniziati nel pomeriggio di giovedì 31 luglio e si sono conclusi nella mattinata di venerdì 1 agosto dopo una 'maratona' notturna.
In cosa consiste il bilancio 2014? In pratica è una manovra da 6,5 miliardi di euro: previsti rispetto al 2013 244 milioni di euro di maggiori entrate e tagli alla spesa corrente di quasi 150 milioni, grazie alla drastica spending review.
L'IRPEF RESTA INVARIATA. Tra le misure previste: la Tasi, applicata per la prima volta, sarà al 2,5 per mille sulla prima casa. Mentre schizza, se si aggiunge all'Imu, all'11,4 per le seconde. Aumenta anche del 4% la tassa sui rifiuti. L'Irpef rimarrà invariata al 9 per mille. Ma circa 530 mila romani non pagheranno quella comunale.
Ritocchi all'insù per la tassa di soggiorno in particolare per gli hotel con il maggior numero di stelle - per gli alberghi a 5 stelle si passa da tre a sette euro al giorno.
TASSE IN AUMENTO. Sale pure la tassa di occupazione del suolo pubblico (Osp) per le piazze del centro storico della Capitale: per esempio l'affitto del Circo Massimo per un concerto o grande evento passerà dagli 8 mila ai 200 mila euro. Rivisti anche i coefficienti moltiplicatori: per i camion bar la Cosap aumenterà di 3,5 volte mentre per i venditori di souvenir tre volte. Meno di quanto inizialmente previsto.
Rincari anche per strisce blu, permessi Ztl, asili nido e musei.
RISORSE PER IL SOCIALE. Dal maxiemendamento di giunta al bilancio 2014 arrivano più risorse per sociale e cultura.
I 32 milioni di euro, recuperati da un'ulteriore spending review, saranno così distribuiti: 5 milioni di euro per le manifestazioni culturali, 5,3 milioni di euro per i servizi sociali, 3 milioni di euro ai Municipi per la manutenzione stradale, 2,7 milioni di euro per la manutenzione del verde.
A fronte di 300 mila euro di tagli allo staff del sindaco e della sua giunta vengono invece destinati 500 mila euro all'assemblea capitolina.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso