Economia 4 Agosto Ago 2014 1222 04 agosto 2014

Carige rimborsa in anticipo la Bce

  • ...

Piero Luigi Montani, a.d. di Carige. Carige studia il rimborso anticipato di tutti i finanziamenti Bce ottenuti con il piano Ltro 2011-12 (Long term refinancing operation) e la richiesta di una nuova tranche da circa 750-800 milioni nell'ambito del programma T-Ltro. Lo ha spiegato agli analisti Piero Luigi Montani, a.d. di Carige, contestualmente alla presentazione dei conti semestrali. Con il piano di rifinanziamento di lungo termine, Carige aveva ottenuto 7 miliardi con scadenza febbraio 2015. «Stiamo valutando di procedere al rimborso di tutto l'Ltro entro il mese di settembre fatta eccezione per la possibilità di chiedere un'altra tranche di 750-800 milioni a settembre che stiamo esaminando in questi giorni» ha detto Montani. Nel corso dell'anno Carige ha già rimborsato 3,7 miliardi portando l'esposizione attuale verso la Bce a 3,3 miliardi: il 6 agosto, secondo quanto spiegato dal manager, l'istituto ha deciso di rimborsare ulteriori 1,3 miliardi riducendo l'ammontare da restituire a 2 miliardi. UNA LUNGA LISTA DI CESSIONI Dopo la decisione di cedere ad Apollo il ramo delle assicurazioni - la trattativa secondo MOntani dovrebbe concludersi entro l'anno - la lista delle cessioni di Banca Carige potrebbe presto includere anche le attività di leasing, factoring e i crediti «non performing» fino a 100 milioni di euro. «Valuteremo la cessione del leasing e del factoring, settori non più identificabili nell'obiettivo che la banca si è posta» ha spiegato Montani. «Si tratta di 200-300 milioni di crediti per quanto riguarda il factoring e circa 800-900 milioni per quanto riguarda il leasing». Quanto ai crediti non performing, MOntani pensa di partire con la vendita delle pratiche inferiori ai 100 milioni.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso