Borsa 130423091505
MERCATI FINANZIARI 5 Agosto Ago 2014 0915 05 agosto 2014

Borsa, Piazza Affari e spread live il 5 agosto 2014

Milano cala. Tonfo Telecom a -4,6% dopo l'offerta Telefonica per Gvt.

  • ...

La Borsa di Milano in Piazza Affari.

Giornata pesante per Piazza Affari, che è alla chiusura segnando una perdita dell'1,62% dopo una mattinata col segno più.
A pesare è stato il crollo di Telefonica dopo l'offerta da 6,7 miliardi su Gvt a Vivendi, che comprende anche la cessione del pacchetto italiano di Telecom.
LE BORSE EUROPEE OK. Positive le altre Borse europee nonostante il calo dela fiducia dei manager dell'Eurozona, prevista stabile, e in attesa delle vendite al dettaglio a luglio, previste in rialzo. Parigi e Francoforte hanno guidato i rialzi, seguite da Londra e Madrid.
In calo invece hanno chiuso le piazze asiatiche.
SPREAD IN CALO. In ribasso per lo spread tra Btp e Bund tedesco che ha segnato 154 punti contro i 156 della chiusura di lunedì 4 agosto. Il rendimento del titolo decennale italiano è sceso al 2,67%.

17.53 - LONDRA CHIUDE: +0,07%. La Borsa di Londra ha chiuso in rialzo dello 0,07% con l'indice FTSE-100 a 6.682,5 punti.

17.39 - MILANO CHIUDE IN PERDITA. Chiusura in forte calo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in ribasso dell'1,62% a 20.052 punti, ai minimi dall'inizio del marzo 2014. Forti vendite su Telecom (-4,62%) e le banche.

16.28 - ATENE IN RIBASSO. La Borsa di Atene ha chiuso in forte ribasso, registrando un -2,83%, con l'Indice Athex a 1.123,39 punti.

16.10 - MILANO CALA ANCORA. Piazza Affari è scivolata (-1,70%) insieme al listino di Madrid (-1,05%) mentre le altre Borse del Vecchio Continente si sono mantenute sopra la parità e a Wall Street il Dow Jones ha ceduto lo 0,5%. Hanno Pesato su Milano i cali di Telecom (-5,09%), Autogrill (-4,77%), Fiat (-4,53%) e dei bancari, con in testa Mps (-4,08%).

15.41 - WALL STREET PARTE IN CALO. Apertura in calo per Wall Street, col Dow Jones che ha ceduto lo 0,29% e il Nasdaq lo 0,48%. In flessione anche l'indice S&P500 che ha perso lo 0,39%.

15.18 - UNICREDIT SALE DOPO CONTI. Unicredit è salita a Piazza Affari dopo la pubblicazione dei conti del primo semestre dell'anno, spinti da un utile del secondo trimestre di 403 milioni di euro, superiori al consenso degli analisti. Il titolo è avanzato dell'1,01% a 5,98 euro.

15.15 - FIAT PESANTE. Fiat è rimasta pesante a Piazza Affari ma è risalita dai minimi di seduta dopo la smentita del Lingotto che, a fronte di rumor sull'arrivo di un significativo numero di richieste di recesso, ha precisato che il diritto «decorre da oggi» e al momento la società «non ha ricevuto alcuna dichiarazione di esercizio». Le azioni hanno ceduto il 3,89% a 6,79 euro. Perché la fusione tra Fiat e Chrysler vada in porto è necessario che le richieste di recesso, che possono essere avanzate fino al 20 agosto, non superino un ammontare complessivo di 500 milioni di euro. Il calo del titolo rende, da un punto di vista esclusivamente finanziario, più appetibile l'esercizio del diritto di recesso, che prevede l'attribuzione di 7,727 euro per ogni azione Fiat. Qualora le richieste di recesso facessero saltare la fusione, tuttavia, anche il diritto di recesso verrebbe meno.

14.34 - EUROPA RALLENTA. Hanno rallentato le Borse europee, che, a differenza di Milano (Ftse Mib -0,6% a 20.258 punti) e Madrid (-0,32%) sono rimaste positive. Francoforte e Parigi hanno guadagnato lo 0,4%, e Londra lo 0,27%. Negativi i futures su Wall Street in attesa di dati sulla fiducia dei manager, prevista in calo e sugli ordini di fabbrica, attesi in aumento. Piazza Affari ha scontato lo scivolone di Telecom (-4,51%) dopo l'offerta di Telefonica (-0,96%) a Vivendi (+3,6%) su Gvt. Pesante Fiat (-4%), peggiore tra i rivali.

14.17 - FIAT RIAMMESSA. Fiat è stata riammessa agli scambi in Piazza Affari e, dopo un congelamento durato oltre un'ora, ha ceduto il 5,02% a 6,71 euro con 16 milioni di pezzi passati di mano, poco sotto l'1,3% del capitale del Lingotto.

13.10 - MILANO GIÙ (-0,5%), PESANO TELECOM E FIAT. Si è confermata debole Piazza Affari a metà seduta, con il Ftse Mib in calo dello 0,5% a 20.281 punti, frenato dallo scivolone di Telecom (-5,26%), dopo l'offerta di Telefonica a Vivendi, che ha incluso il pacchetto italiano nella contropartita per la brasilana Gvt.
Sotto pressione anche Fiat (-4,74% teorico), congelata al ribasso e frenata dalle stime degli analisti, in una giornata positiva per il comparto auto. Effetto conti su Campari (+3%) e attesa per il trimestre di Unicredit (+1,1%).

11.59 - MILANO GIRA IN CALO (-0,6%) CON TELECOM. Ha girato in calo Piazza Affari dopo la riammissione di Telecom (-5,2%) a seguito di un congelamento al ribasso.
Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,62% a 20.257 punti, con oltre la metà dei titoli del paniere in rosso. Hanno fatto eccezione Campari (+3,6%) dopo i conti e le stime per l'intero esercizio, Finmeccanica (+1,89%) e Unicredit (+1,27%) in attesa dei risultati.
Male Mediaset (-0,67%) e Intesa (-0,61%), debutto sprint invece per Tech-Value (+3,61%) su Aim. Pesante Carige (-4,52%).

11.44. TELECOM RIAMMESSA AGLI SCAMBI, CONFERMA IL -5%. Telecom è stata riammessa agli scambi di Piazza Affari dopo un congelamento di oltre 15 minuti per eccesso di volatilità. Il titolo ha ceduto il 5% a 0,82 euro, confermando le indicazioni di prezzo emerse durante l'asta di pre-apertura.

11.17 - TELECOM CONGELATA AL RIBASSO, -5% TEORICO. Telecom è stata congelata al ribasso in Piazza Affari. Il titolo ha segnato un calo teorico del 5,03% a 0,83 euro.

10.18 - EUROPA POSTIVA, MILANO TIENE: +0,07. Borse europee positive nonostante il calo dela fiducia dei manager dell'Eurozona, prevista stabile, ed in attesa delle vendite al dettaglio a luglio, previste in rialzo. Parigi e Francoforte (+0,7% entrambe) guidano i rialzi, seguite da Londra (+0,48%), Madrid (+0,14%) e Milano (+0,07%). Gli acquisti premiano auto e banche, stabili le Tlc. Scivola Telefonica (-1,71%) dopo l'offerta da 6,7 miliardi su Gvt a Vivendi (+3,6%), che comprende anche la cessione del pacchetto italiano di Telecom (-4,39%).

9.29 - MILANO SI CONFERMA POSITIVA: +0,50%. Si conferma positiva Piazza Affari nella prima mezz'ora di scambi, malgrado lo scivolone di Teleocom (-4,1%) dopo l'offerta di Telefonica sul Brasile a Vivendi, che comprende anche la cessione del pacchetto italiano. Il Ftse Mib guadagna lo 0,5% a 20.482 punti spinto da Unicredit (+2,03%), in attesa dei conti, e da Intesa Sanpaolo (+1,8%), che li ha diffusi venerdì scorso. Bene Finmeccanica (+1,96%) e Mediaset (+1,15%), scivola Carige (-1,97%), impegnata nella vendita delle assicurazioni.

9.23 - PARIGI POSITIVA IN PARTENZA: +0,55%. La borsa di Parigi ha aperto la seduta in rialzo (+0,55%) con l'indice Cac che segna a 4.240,6 punti.

9.21 - AVVIO POSITIVO A FRANCOFORTE: +0,35%. La Borsa di Francoforte ha aperto la seduta in rialzo(+0,35%) con l'indice Dax che segna 9.186 punti.

9.18 - LONDRA APRE IN RIALZO DELLO 0,32%. La borsa di Londra apre gli scambi in rialzo dello 0,32% con l'indice FTSE-100 a 6.699 punti.

9.07- MILANO INZIA COL SEGNO PIÙ: +0,39%. Avvio di seduta positivo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib segna un rialzo dello 0,39% a 20.459 punti. Bene Ubi Banca (+0,96%), Unicredit (+',84%) e Tod's (+0,69%), giù invece Telecom (-2%) dopo l'offerta di Telefonica a Vivendi per Gvt con la cessione del pacchetto in Telecom.

Correlati

Potresti esserti perso