Silvio Berlusconi Mediaset 130801190029
MERCATI 7 Agosto Ago 2014 1800 07 agosto 2014

Borsa, Piazza Affari e spread: live del 7 agosto 2014

Altro tonfo a Milano. Speculazioni su titoli di Stato, Europa in calo.

  • ...

Giovedì 1 agosto le aziende di Berlusconi hanno fatto segnare buone performance in Borsa.

Altra seduta negativa giovedì 7 agosto dopo la brusca frenata del giorno prima innescata dai dati dell'Istat sul Pil Italiano.
Il Ftse Mib ha registrato in chiusura una flessione del 1,94%. Forte corrente vendite anche sulle Borse europee nel finale di seduta. Con il ritorno della tensione sui titoli di Stato di Spagna, Italia e Portogallo, male molte banche popolari (Bper -12% dopo la semestrale). Pesano anche i rischi sull'Ucraina sollevati da Draghi.
A Milano sono state sospese al ribasso Bpm, A2A e Bper. Debole Atlantia (-3%), bene Moncler, Tod's e Yoox. Ha accelerato Telecom (+1,5%) su ipotesi di colloqui preliminari con Vivendi dopo la mossa di Telefonica in Brasile.
SPREAD CHIUDE OLTRE QUOTA 180. Lo spread tra il Btp e il Bund chiude in netto rialzo a 180,8 punti e un rendimento al 2,86%. Il differenziale tra i titoli tedeschi e i Bonos spagnoli si posiziona a 156 punti con un tasso al 2,62%.
Giornata fiacca in Asia, dove Tokyo ha segnato comunque una tendenza contraria a quella generale realizzando un guadagno dello 0,48%.

17.38 - MILANO CHIUDE IN NETTO CALO: -1,94%. Seduta ampiamente negativa leggermente sopra i minimi raggiunti a pochi minuti dalla chiusura per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha concluso la giornata in perdita dell'1,94% a 19.130 punti.

17.17 - MILANO PEGGIORA SUL FINAL: -2%. Forte corrente di vendite sulle Borse europee nel finale di seduta: Piazza Affari, partita in positivo e sempre più debole, si avvia alla conclusione con l'indice Ftse Mib in calo del 2%. Con il ritorno della tensione sui titoli di Stato di Spagna, Italia e Portogallo, male molte banche popolari (Bper -12% dopo la semestrale).

17.15 - EUROPA PEGGIORA, MILANO -1,2. A un passo dalla chiusura peggiorano tutti i listini azionari europei, a partire da Madrid (-1,5%) e Milano (-1,2%) con il ritorno della tensione sui titoli di Stato dei Paesi più sotto attacco della speculazione. Pesano anche i rischi sull'Ucraina sollevati da Draghi e in Piazza Affari sono sospese al ribasso Bpm, A2A e Bper. Debole Atlantia (-3%), bene Moncler, Tod's e Yoox. Ha accelerato Telecom (+1,5%) su ipotesi di colloqui preliminari con Vivendi dopo la mossa di Telefonica in Brasile.

16.49 - ATENE IN CALO. La Borsa di Atene ha chiuso in ribasso, registrando un -0,25%, con l'Indice Athex a 1.090,82 punti.

15.43 - WALL STREET APRE IN RIBASSO. Apertura in rialzo per Wall Street col Dow Jones che ha guadagnato lo 0,34% e il Nasdaq lo 0,40%. Bene anche l'indice S&P500 che è salito dello 0,37%.

15.15 - MIGLIORANO LE BORSE EUROPEE. Riducono il calo le Borse europee dopo la decisione della Bce di lasciare invariati i tassi. Milano (+0,7%) resta la migliore, mentre Francoforte si porta in parità e Madrid (-0,42), Parigi (-0,35%) e Londra (-0,1%) riducono il ribasso. Gli acquisti sono dirottati su Moncler (+5,9%), Fiat (+4,41%), Mediaset (+3,71%) ed Mps (+2,61%) in attesa dei conti di quest'ultima. Girano in rialzo Banco Comercial Portugues (+5,46%) e Piraeus (+4,76%), bene a Zurich (+3,26%). Positivi i futures Usa.

13.32 - PIAZZA AFFARI MIGLIORE D'EUROPA. Hanno proceduto in calo le Borse europee tranne Milano (+0,3%) e Zurigo (+0,4%), in attesa della decisione della Bce sui tassi, previsti invariati, così come ha fatto la Bank of England da alcuni minuti. Maglia nera è stata Madrid (-0,68%), preceduta da Parigi (-0,52%), Francoforte (-0,11%) e Londra (-0,21%). A Milano sprint di Moncler (+5,79%), Fiat (+3,71%), Mediaset (+3,14%) ed Mps (+2,19%) in attesa del trimestre. Sprint di Zurich (+3,4%), Nestlé (+3,2%) e Rio Tinto (+1,6%) dopo i conti.

12.26 - MILANO POSITIVA. Si è confermata positiva Piazza Affari (Ftse Mib +0,48% a 19.604 punti), unica in Europa in vista della decisione della Bce sui tassi. Gli acquisti si sono suddivisi tra Moncler (+5,29%), dopo i conti trimestrali, Fiat (+3,63%), in recupero da due scivoloni consecutivi, e Mediaset (+3,36%), su ipotesi di cessione della catena 'The Space Cinema'. Occhi puntati anche su Mps (+2,11%) in vista dei conti, che Banco Popolare (+1,55%), Ubi (+1,22%) e Bpm (-1,91%) hanno in programma di diffondere l'8 agosto. Giù Enel (-1,22%).

10.42 - FIAT ACCELERA. Ulteriore accelerata di Fiat in Piazza Affari. Il titolo è salito del 4,95% a 6,78 euro, tentando un vero e proprio rimbalzo dopo due giornate difficili. Martedì 5 agosto aveva perso oltre il 3% e il giorno dopo oltre il 5% su timori che i possibili recessi potessero far saltare la fusione con Chrysler, tema su cui l'amministratore delegato Sergio Marchionne ha rassicurato il mercato.

9.26 - FRANCOFORTE IN CALO. La Borsa di Francoforte ha aperto di nuovo in rosso, con l'indice Dax a 9.081 punti (-0,53%).

9.23 - PARIGI STABILE. La Borsa di Parigi ha aperto stabile (+0,06%) con l'indice Cac 40 a 4.210 punti.

9.19 - LONDRA IN CALO. La Borsa di Londra ha aperto in calo dello 0,15% con l'indice CAc 40 a 6.626 punti.

9.31 - MILANO RISALE. È rientrata subito in carreggiata Piazza Affari dopo una partenza fiacca in lieve calo. L'indice Ftse Mib ha segnato un rialzo dello 0,31% a 19.570 punti spinto dal rimbalzo di Fiat (+3,02%) e dalla corsa di Moncler +6,26%) all'indomani dei conti. Attesa anche per la trimestrale di Mps (+2,19%) mentre Telecom ha guadagnato lo 0,5%. Pochi i titoli in calo, tra cui Enel (-0,97%), Enel Green Power (-0,15%) e UnipolSai (-0,56%) all'indomani dei conti. Fiacca Intesa (-0,09%), bene Unicredit (+0,71%).

Articoli Correlati

Potresti esserti perso