Economia 18 Agosto Ago 2014 1245 18 agosto 2014

Il Plaza di Ny al sultano del Brunei

Hassanal Bolkiah è il favorito tra gli offerenti in corsa. I cittadini però protestano.

  • ...

Cambio di proprietà in corso per lo storico hotel Plaza di New York. E tra gli offerenti in corsa il preferito è  il sultano del Brunei, Hassanal Bolkiah, noto per aver imposto nel suo Paese la sharia che prevede la lapidazione per gay e per chi commette adulterio. A dirlo sono i media americani secondo cui come parte di un accordo stimato in 2,2 miliardi di dollari, il sultano potrebbe anche acquistare il Dream Hotel, sempre a Manhattan, e il Grosvenor House di Londra. La notizia del suo possibile acquisto ha provocato una serie di reazioni negative tra i cittadini. Il sultano aveva già causato un’ondata di proteste quando quest’anno acquistò un altro albergo, il Beverly Hills Hotel, dove i manifestanti picchettarono con i cartelli dalla scritta: «Questo hotel è di proprietà di un omofobo». LA VENDITA PER PAGARE UNA CAUZIONE Gli hotel sono stati messi in vendita da Subrata Roy, tycoon indiano, attualmente in prigione a New Delhi per vilipendio alle cariche istituzionali. I soldi ricavati dalla vendita servirebbero a Roy per pagare la cauzione, che è stata fissata a 1,6 miliardi di dollari. IL PRINCIPE SAUDITA E HAMPSHIRE HOTELS COME SOCI In base all’accordo, però, il sultano non avrebbe voce in capitolo nella gestione quotidiana dell’hotel, ma diventerebbe il proprietario insieme ad altri due investitori: Hampshire Hotels e il principe saudita Alwaleed.

Correlati

Potresti esserti perso