Scuola Caro Libri 140819175657
CRISI 19 Agosto Ago 2014 1800 19 agosto 2014

Scuola, caro libri 2014: 1.000 euro a studente

Rincari per astucci (+2%) e diari (+3%).

  • ...

Allarme per i rincari di libri e kit scuola in previsione dell'inizio dell'anno scolastico 2014-15.

Non bastava la recessione che s'è già fatta sentire nelle casse degli italiani: la nuova stangata per le famiglie riguarda i libri e il corredo scolastico dei figli.
A lanciare l'allarme, a pochi giorni dalla riapertura delle scuole, sono state le associazioni dei consumatori.
L'Osservatorio nazionale Federconsumatori ha calcolato aumenti dell'1,6% per i libri e dell'1,4% per il kit scuola: la spesa media è dunque di 1.036 euro a studente.
Ben peggiori le prime stime del Codacons che prevedono un rincaro fino al 4,5% per i libri e fino al 2% per il corredo: il presidente Carlo Rienzi ha calcolato una spesa «che va dai 750 agli 840 euro a studente».
CONTO PIÙ SALATO. Nel dettaglio per Federconsumatori serviranno in media 506,50 euro, contro i 499,50 del 2013 per il corredo scolastico («ricambi» durante l'anno compresi), mentre per acquistare i libri - tenendo in considerazione le diverse classi delle scuole medie inferiori, licei e istituti tecnici - si dovranno pagare mediamente 529,50 euro.
FINO A 1.300 EURO. Conto particolarmente salato, poi, per chi ha figli iscritti al primo anno di una scuola media o superiore: se per uno studente di prima media la ricevuta finale segnerà 990,50 euro - 484 euro per libri e due dizionari (+1,7% sul 2013) e 506,50 euro per il corredo - per un alunno di primo liceo si supereranno i 1.300 euro.
CODACONS MENO CAUTO. Secondo i conti di Condacons, invece, «solo per il corredo scolastico nel 2014 una famiglia dovrà mettere in conto una spesa annua compresa tra i 450 e i 490 euro cui va aggiunta una spesa media per i testi scolastici tra i 300 e i 350 euro a seconda della scuola e del livello di istruzione, per un totale che va dai 750 agli 840 euro a studente».

ACQUISTI IN PROMOZIONE. Nel 2014, ha poi dichiarato Federconsumatori, ad aumentare in misura maggiore sono stati soprattutto i prezzi degli astucci «pieni» (+2% su alcuni prodotti nei supermercati) e dei diari (+3%). Più contenuti, ma pur sempre in aumento, i costi degli zaini. Conviene quindi approfittare delle promozioni, ha suggerito l'Osservatorio.
«Nei supermercati si può arrivare a risparmiare fino al 30% rispetto alla cartolibreria», sottolinea il Codacons, che ha invitato anche a non seguire le mode.
LO STOP AI RINCARI. Per quanto riguarda i libri, invece, Federconsumatori ha consigliato di approfittare della bacheche o di prendere a prestito in biblioteca libri e dizionari, se possibile.
«Ministero ed enti locali», hanno concluso Rosario Trefiletti (Federconsumatori) ed Elio Lannutti (Adusbef), «dovrebbero potenziare le agevolazioni per l'acquisto dei libri destinate alle famiglie meno abbienti. Il ministero, inoltre, dovrebbe avviare controlli più severi sullo sforamento dei tetti di spesa che, soprattutto nei licei, vengono puntualmente superati. Appare inaccettabile la 'tolleranza' dello sforamento ingiustificato fino al limite del 10%».
Per l'Osservatorio è utile quindi incentivare «al massimo l'editoria elettronica e ampliare i prestiti dei testi da parte delle scuole».

Correlati

Potresti esserti perso