Carla Cantone 131203171126
DICHIARAZIONE 20 Agosto Ago 2014 1458 20 agosto 2014

Pensioni, Spi Cgil: «Pronti a mobilitarci»

Cantone: «No a interventi sulle retributive. La pazienza è finita».

  • ...

Carla Cantone, segretario generale della Spi-Cgil.

Per il segretario generale Spi Cgil, Carla Cantone «è il momento di lasciare in pace i pensionati, che hanno perso il 30% del potere d'acquisto negli ultimi 15 anni, grazie alle manovre dei vari governi».
«Non sono d'accordo a intervenire sulle retributive», ha affermato il segretario, annunciando una possibile presa di posizione: «in caso contrario», ha aggiunto, «ci mobiliteremo, la pazienza è finita».
PENSIONATI COME BANCOMAT. «Finora i pensionati sono stati sempre considerati un bancomat», ha sottolineato Cantone. «Se il governo necessita di risorse deve decidersi una volta per tutte a redistribuire la ricchezza», prendendo «dai redditi alti, quelli d'oro e non solo quelli da pensione, ma tutti i redditi».
In particolare, lo Spi Cgil è contrario al ricalcolo degli assegni con il metodo contributivo, al posto del retributivo, a meno che «non ci siano pensioni calcolate con il retributivo finto, ma», ha avvertito il segretario, «non si devono toccare quanti hanno versato sempre e regolarmente i contributi».
IN ATTESA DEGLI 80 EURO DI RENZI. Cantone ha poi ricordato: «Abbiamo chiesto a metà luglio di aprire un tavolo di confronto, anche perché siamo in attesa degli 80 euro promessi da Renzi e ogni promessa è un debito». Oggi, alla luce delle nuove ipotesi di intervento sulle pensioni, la richiesta di un confronto «è confermata», ha evidenziato il segretario.
Che ha concluso con un invito al premier: « È meglio che Renzi cambi verso veramente».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso