Ucraina Pesche 140821144853
MISURE D'EMERGENZA 21 Agosto Ago 2014 1350 21 agosto 2014

Crisi in Ucraina, dall'Ue 32,7 milioni per le pesche

29,7 per i ritiri dal mercato e 3 per la promozione. All'Italia 1,28 mln.

  • ...

Adottate misure d'emergenza a sostegno di pesche e nettarine per un totale di 32,7 milioni di euro.

La Commissione europea ha adottato misure d'emergenza a sostegno di pesche e nettarine per un totale di 32,7 milioni di euro all'Ucraina, di cui 29,7 per i ritiri dal mercato e tre milioni per la promozione. Di questi ultimi, l'ammontare maggiore, pari 1,288 milioni, va all'Italia.
AUMENTO DAL 5 AL 10 %. Il testo adottato da Bruxelles il 21 agosto dovrebbe venire pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Ue tra il 22 e il 23 agosto. Questo propone di aumentare dal 5 al 10% la quantità massimale di produzione delle organizzazioni produttrici che può essere ritirata dal mercato per la distribuzione gratuita, fissandola a un prezzo di 269 euro a tonnellata per un totale stimato di 22,1 milioni di euro di aiuti Ue all'Ucraina.
Per i produttori che non sono membri di organizzazioni, invece, il contributo Ue per i ritiri è fissato al 50% di quello delle organizzazioni di produttori, per una somma stimata di 7,6 milioni. Inoltre, la bozza di regolamento prevede ulteriori 3 milioni per le attività di promozione per le organizzazioni di produttori, cofinanziate al 50%.
ITALIA SEGUITA DA SPAGNA E GRECIA. L'Italia, con aiuti fino a 1,288 milioni, è il principale beneficiario di quest'ultimo tipo di sostegno, seguita da Spagna (1,132 mln), Grecia (0,317 mln) e Francia (0,262 mln). Intanto, sempre per il 22 agosto è prevista la riunione tra gli esperti di Commissione, Parlamento e stati membri, che ha l'obiettivo di occuparsi dell'attuazione delle misure a sostegno dell'ortofrutta, mentre per giovedì 28 ne è prevista un'altra dedicata ai prodotti di origine animale ugualmente colpiti dall'embargo russo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso