Economia 21 Agosto Ago 2014 0920 21 agosto 2014

Nutella prodotto di lusso? Macché

Il costo delle nocciole è salito del 60% per colpa del maltempo. Ma Ferrero tranquillizza.

  • ...

Oggi con la con la quantità di Nutella prodotta in un anno si potrebbe fare 1,4 volte il giro del mondo. Ma la crema al cioccolato più conosciuta e consumata al mondo rischia di diventare un prodotto di lusso. Almeno secondo il quotidiano francese Les Echos che, sul proprio sito online, spiega come il prezzo della crema spalmabile potrebbe presto gonfiarsi a causa della penuria di nocciole che ha colpito la Turchia, il maggior produttore mondiale (con oltre il 70% del raccolto globale), in seguito a maltempo e gelate. TUTTA COLPA DEL MALTEMPO Il maltempo che si è abbattuto sul nord della Turchia a fine marzo ha danneggiato più di due terzi dei fiori di noccioli, spiega io giornale d'oltralpe. Il risultato è che «quest'anno verranno vendute solo 540 mila tonnellate di nocciole contro le 800 mila abituali, con un deficit di 260 mila tonnellate». Il prezzo della tonnellata di nocciole è così esploso, passando dai 6.500 dollari di febbraio ai 10.500 dollari di ieri. PREZZO NOCCIOLE A PIÚ 60% Il +60% del prezzo delle nocciole - evidenzia Les Echos - potrebbe ripercuotersi sui prodotti derivati: appunto la Nutella, ma anche Kinder, Ferrero Rocher e tutti gli altri dolci a base di nocciole. E pensare che proprio la nocciola era stata preferita dalla Ferrero come ingrediente principale della ricetta top segret della Nutella (oltre a cacao, polvere di latte, zucchero e olio di palma) al posto della fava di cacao, all'epoca rara e cara. FRANCIA PRIMO CONUSMATORE DI NUTELLA I media francesi stanno dando molto rilievo alla notizia perché la Nutella, che ha da poco celebrato i 50 anni, viene consumata da una famiglia francese su due (tre su quattro se nelle famiglie ci sono anche figli), facendo così della Francia il primo paese consumatore. Ma la Nutella è sulle tavole di tutto il mondo: a livello globale  ne viene venduto un barattolo ogni due secondi e mezzo. FERRERO TRANQUILLIZZA L'azienda piemontese però non sembra essere preoccuata più di tanto. Per proteggersi dalla scarsità di materia prima, lo scorso luglio la Ferrero ha infatti acquistato la società turca Oltan Group, uno deipiù grandi e importanti operatori mondiali nell’approvvigionamento, nella lavorazione e nella vendita di nocciole. L'azienda ha cinque strutture di produzione che esportano nell’Unione europea e negli altri principali mercati mondiali con un fatturato superiore ai 500 milioni di dollari. A questo punto a preoccuparsi dovranno essere le altre aziende bisogose di nocciole.

Correlati

Potresti esserti perso