Economia 26 Agosto Ago 2014 1315 26 agosto 2014

Il credit crunch non molla la presa

Le imprese che si sono viste rifiutare un prestito sono passate dal 50,7 al 53%.

  • ...

La stretta creditizia non molla la presa. A confermarlo sono gli ultimi dati usciti dall'Osservatorio credito di Confcommercio secondo cui nel secondo trimestre sono aumentate le imprese che si sono viste rifiutare in tutto o in parte la domanda di credito (dal 50,7% al 53%). E nel Mezzogiorno le percentuali son ancora più alte con appena due imprese su 100 finanziate. Nella maggioranza dei casi (48%), le aziende del terziario risultano ancora in difficoltà a fronteggiare autonomamente il proprio fabbisogno finanziario (nel trimestre precedente erano il 53%). SALE SOLO LA DOMANDA A fronte di un leggero incremento del numero di imprese che si sono rivolte alle banche per chiedere un fido (dal 14,6% al 15,9%), ha rilevato Confcommercio, resta ancora bassa, e su un livello non dissimile dal trimestre precedente, la quota di quelle che si sono viste accogliere le richieste di fido (26,7%) portando la percentuale di imprese effettivamente finanziate a poco più del 4%. MEZZOGIORNO IN DIFFICOLTÀ A livello geografico, il Mezzogiorno resta l'area con le maggiori difficoltà con una quota di imprese che si sono viste negare, in tutto o in parte, il credito richiesto, pari all'81% e una percentuale di appena il 16,6% di imprese che hanno ricevuto il credito con un ammontare pari o superiore a quello richiesto.

Correlati

Potresti esserti perso