Borsa 130502093718
GIORNATA NERA 28 Agosto Ago 2014 1540 28 agosto 2014

Borsa, Milano peggiore in Europa con le banche

Ftse Mib -2,03%, tiene Telecom. Unicredit e Intesa -3%, male Enel.

  • ...

Operatori di Borsa al lavoro.

Giornata di forti vendite per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha chiuso in perdita del 2,03% a 20.341 punti (con un minimo a pochi minuti dalla conclusione a quota 20.314), il Ftse All share in calo dell'1,87% a 21.615 punti, facendo di Piazza Affari il peggiore listino della giornata tra i principali mercati azionari europei.
PESA LA CRISI UCRAINA. A pesare sono stati il calo della fiducia in Europa e soprattutto in Italia, i venti di guerra in Ucraina (che hanno portato a perdite superiori al 3% per la Borsa di Kiev e quella di Mosca e a un calo dell'1,2% per Francoforte) e, soprattutto, il ritorno della tensione sui titoli di Stato italiani e degli altri Paesi da tempo sotto l'occhio della speculazione, come Spagna e Portogallo.
AFFOSSATE LE BANCHE. È stato in particolare quest'ultimo fattore ad affossare le banche 'made in Italy', cariche di bond tricolori: il Banco popolare ha ceduto il 4,9% finale, Ubi il 4,1%, Unicredit il 3,3%, Mps il 3,2%, Intesa il 3% netto.
Male anche Buzzi (-3,8%), Wdf (-3,4%) e soprattutto Enel, che ha ceduto il 2,9% dopo la conferma che il Tesoro si sta apprestando a cedere quote.
ENI HA PERSO SOLO L'1,7%. Ha tenuto invece Eni, che ha perso l'1,7%, quindi facendo meno peggio del listino generale.
Di qualche frazione sopra la parità Ferragamo e Luxottica (+0,1%) e bene Telecom Italia, salita dell'1,3% dopo che Vivendi sembra aver scelto l'offerta di Telefonica per Gvt, riaprendo quindi lo scenario di una possibile vendita di Tim Brasil da parte del gruppo italiano.

Correlati

Potresti esserti perso