Guidi 140306194131
APPELLO 28 Agosto Ago 2014 0722 28 agosto 2014

Lavoro, Guidi agli imprenditori: «Basta licenziamenti»

Appello di Guidi agli imprenditori.

  • ...

Federica Guidi.

Un appello accorato a evitare, il più possibile, nuovi licenziamenti.
È quello rivolto dal ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi agli imprenditori italiani.«Chi ha i bilanci in ordine deve fare il possibile per mantenere i livelli occupazionali», ha dichiarato in un'intervista concessa a Repubblica. «Bisogna salvare il lavoro, non licenziare. Il mio è un appello alla responsabilità sociale».
«MANTERREMO LE PROMESSE». Guidi ha, poi, ribadito che il governo «come tutti» si aspettava che la ripresa arrivasse prima, ma non è stato così: «L'Europa è ferma e l'Italia pure». «Non crede che sull'economia abbiate fatto tante promesse e pochi fatti?», è la domanda che viene rivolta al ministro dello Sviluppo economico. «Gli 80 euro sono fatti», è il parere di Guidi, «come è un fatto il cosiddetto pacchetto competitività approvato prima della pausa estiva. Serve tempo perché le misure adottate producano effetti. Ma noi stiamo mantenendo le nostre promesse».
«GIUSTO PUNTARE SUGLI 80 EURO». A chi le chiede se non fosse meglio puntare tutto sull'Irap per incentivare gli imprenditori a investire, il ministro ha replicato: «Non è con un taglio delle tasse che si permette alle aziende di assumere il giorno dopo. È stato giusto puntare sugli 80 euro, poi sono necessarie le riforme: quelle che stiamo facendo».
«PENSIONI? NON CI SONO AREE INTOCCABILI». E sull'ipotesi di mettere mano alle pensioni: «Concettualmente non ci sono aree intoccabili, ma nello stesso tempo non si può non tener conto delle eventuali ripercussioni sociali». Mentre sul superamento dell'articolo18 chiesto dal Nuovo centrodestra, ha dichiarato: «Maggiore flessibilità in entrata e in uscita è buona e giusta. Il mondo è cambiato e si possono cambiare norme ormai datate».

Correlati

Potresti esserti perso