Economia 30 Agosto Ago 2014 1000 30 agosto 2014

Us Open, spettacolo da 98,5 milioni

  • ...

Gli Us Open di tennis generano quasi 100 milioni di fatturato. Roger Federer e Serena Williams, cinque vittorie a testa agli Us Open, sono i grandi attesi (e favoriti) dell’edizione numero 134 del torneo, quarto e ultimo round del Grande Slam. Sui campi dell’Usta Billie Jean King National Tennis Center, semplicemente Flushing Meadows per gli appassionati, il grande assente è Rafael Nadal, che l’anno scorso si è portato a casa il trofeo, ma che il 18 agosto ha dovuto annunciare la defezione a causa di un problema al polso. Lasciando da parte le cronache sportive dell’evento che si disputa dal 1881, - l’edizione di quest’anno è iniziata il 25 agosto e si concluderà l’8 settembre, - c’è un’altra faccia del torneo che si può raccontare, quella economica, perché il giro di denaro che lo accompagna è mastodontico. Ecco quello che bisogna sapere. 1. PREZZI BIGLIETTI +29%, TOTALE PER 98,5 MILIONI Gli Us Open sono uno degli eventi sportivi più importanti degli Stati Uniti, paragonabili per popolarità al Super Bowl, la finale del campionato Nfl di football. Dal 2007 in poi hanno catalizzato tra 692 e 699.000 persone, mentre quest’anno il numero di paganti attesi supererà le 710.000 persone, per nulla scoraggiate da un aumento dei prezzi dei biglietti del 29% rispetto alla media di 142 dollari dell’anno scorso (per fare un paragone, nel 2007 la media era di 110 dollari). Stando ai dati della United States Tennis Association (Usta), i biglietti meno cari costano da 27 a 85 dollari, mentre per i posti vicino al campo si spendono 595 dollari e quelli delle finali arrivano a 1.519 dollari. I pacchetti full-pass costano non meno di 2.100 dollari. «È stato indubbiamente un aumento aggressivo», ha detto Chris Widmaier, direttore generale della comunicazione dell’Usta.Il fatturato complessivo, che include tutti i biglietti e pass venduti, è cresciuto a 98,5 milioni di dollari, il 28% in più rispetto ai 76,5 del 2007.

Roger Federer 2. PER I GIOCATORI PREMI TOTALI FINO A 40,8 MILIONI Per i giocatori, al di là della fama e del piacere agonistico, partecipare al torneo è   indubbiamente un buon affare: i vincitori dei singoli portano a casa 3 milioni di dollari, mentre i secondi classificati 1,45 milioni. Non va male neppure alla maggior parte degli altri: i semifinalisti ricevono 730.000 dollari e poi via via a scendere fino ai   35.754 dollari di chi partecipa al primo turno. Chi vince il doppio si aggiudica 520.000 dollari. Quest’anno i premi totali arriveranno a 38,3 milioni di dollari, un aumento dell’11,7% rispetto all’anno scorso e secondi solo a quelli assegnati a Wimbledon, dove il montepremi totale è di 42,3 milioni di dollari. In realtà la cifra americana potrebbe   lievitare fino a 40,8 milioni di dollari, dal momento che i tre finalisti della Emirates Airline US Open Series (collega nove tornei dei circuiti Atp World Tour e Sony Ericsson Wta Tour e culmina appunto con il torneo newyorkese) si portano a casa altri 2,6 milioni di dollari. 3. SPONSOR STELLARI: EMIRATES 90 MILIONI, ESPN 770 MILIONI Tra gli sponsor dell’edizione di quest’anno figurano vari nomi storici, come Mercedes- Benz, JPMorgan, che nel 2007 ha siglato un accordo per sei anni per 90 milioni di dollari   complessivi, Ibm e American Express, e tre new entry, Lg Electronics, The Chia Co e   Visit Orlando.Emirates Airline ha stretto un accordo di sponsorizzazione con la Usta che vale da solo oltre 90 milioni di dollari in sette anni, mentre l’emittente televisiva   Espn ha siglato l’anno scorso un accordo da 770 milioni di dollari in undici anni per i diritti di trasmissione dell’evento. Per fare un paragone, il fatturato complessivo legato agli sponsor per l’intero campionato Nba di pallacanestro per la stagione 2013-2014 si è attestato a 679 milioni di dollari, mentre quello della stagione 2013 della National Football League è arrivato a 1,07 miliardi. A livello mondiale le sponsorizzazioni per eventi legati al tennis nel 2014 arriveranno a un totale di 739 milioni di dollari, stando ai dati di Ieg.

Serena Williams 4. INDOTTO DA 750 MILIONI PER LA CITTÀ DI NEW YORK Gli Us Open generano ogni anno un indotto da circa 700 milioni di dollari per la città   di New York, cifra che quest’anno secondo le stime salirà a 750 milioni. «È uno degli   eventi più importanti a livello mondiale non solo dal punto di vista sportivo, ma anche da   quello turistico. La Usta ha fatto un ottimo lavoro nel creare domanda e nel pubblicizzare l’evento all’estero», ha detto Robert Boland, a capo del Tisch Center for Hospitality, Tourism and Sports Management della New York University. Si stima inoltre che grazie all’evento saranno creati circa 13.000 posti di lavoro stagionali. Per quanto riguarda il turismo, si calcola che i pacchetti comprensivi di alloggio e biglietti costino circa 3.500 dollari per tre giorni. Da considerare che la Usta deve pagare alla città di New York 400.000 dollari d’affitto all’anno oltre a una percentuale sul fatturato generato.

Correlati

Potresti esserti perso