Andrea Guerra 140820094455
AZIENDE 1 Settembre Set 2014 1545 01 settembre 2014

Luxottica, via Guerra: in tre al suo posto

Buonuscita da 10 mln per il manager.

  • ...

Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica.

Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica, ha lasciato il gruppo, dando il via alla successione al vertice dell'azienda. In una riunione durata poco più di due ore il consiglio di amministrazione ha discusso della nuova guida operativa. Al board ha partecipato anche lo stesso Guerra.
UN TRIUMVIRATO ALLA GUIDA. Al termine del vertice è stato lo stesso patron e fondatore del colosso veneto a spiegare la situazione: con Guerra, ha detto Leonardo Del Vecchio, «non abbiamo condiviso gli stessi obiettivi, purtroppo si sono divisi i progetti futuri. Io avevo dei progetti, lui ne aveva altri e quindi senza litigare c'è stata una consensualità». «La riunione si è svolta in un clima tranquillissimo», ha commentato un consigliere all'uscita dalla sede milanese del colosso dell'occhialeria (il titolo). Al posto del manager, che lascia dopo 10 anni, è previsto che ci sia un «triumvirato» con due amministratori delegati e Del Vecchio nelle vesti di presidente «operativo».
ADDIO DA 45 MILIONI DI EURO. La novità odierna - rispetto alle attese - è proprio che Guerra ha lasciato direttamente il gruppo, dando il via alla successione al vertice; inizialmente si pensava potesse restare in sella ancora per qualche mese per coordinare la transizione. «In consiglio si è parlato anche della buonuscita di Guerra» che, aveva sottolineato un consigliere al termine della riunione, «non desterà alcun scalpore, nulla di clamoroso». Si tratta di un incentivo all'esodo di 10 milioni di euro, più 592.294 euro a titolo di transazione generale novativa e 800 mila euro come patto di non concorrenza di 24 mesi. Sul punto, Del Vecchio ha espresso apprezzamento: «Non ha chiesto niente di più di quello che gli spettava da contratto, è stata un'uscita molto elegante. Guerra è una persona che rispetto, lo ringrazio per quello che ha fatto per l'azienda». Oltre a considerare queste cifre, bisogna ricordare che dall'esercizio di una seconda tranche di stock option Guerra incassa 33,7 milioni: le azioni verranno acquistate dall'azionista di riferimento, quindi Del Vecchio stesso. L'addio è addolcito quindi da circa 45 milioni, cui si sommano 35 staccati nel 2009 sempre in forma di stock option.
«Avrò tre capi azienda al posto di uno: due su tre sono già interni all'azienda», ha spiegato Del Vecchio. «I piani», ha aggiunto, «continueranno a essere quelli di sempre. Noi speriamo in una crescita solida, minimo +7% annuo». Quanto a Guerra, «abbiamo fatto dieci anni con lui, ne faremo altri dieci con il triumvirato».
CAVATORTA UNO DEI DUE AD. In un comunicato, Luxottica ha quindi precisato che l'attuale direttore finanziario, Enrico Cavatorta, è stato nominato amministratore delegato delle funzioni corporate e, pro tempore, dei mercati. Si aspetta intanto il secondo ad. «Le Operations», ha spiegato il gruppo nella nota, «guidate da Massimo Vian, riporteranno temporaneamente al presidente Del Vecchio. Per favorire un'efficace gestione del gruppo in questa nuova fase, verrà costituito un comitato direttivo guidato» dallo stesso Del Vecchio.

Correlati

Potresti esserti perso