Economia 3 Settembre Set 2014 1029 03 settembre 2014

Beraldo quota Ovs e cede Coin

  • ...

Stefano Beraldo, amministratore delegato del gruppo Coin e di Ovs è pronto al debutto a Piazza Affari. Mancano poco meno di due mesi al debutto in Borsa secondo la road map che ha in testa Stefano Beraldo, amministratore delegato di Ovs. La data che vorrebbe è intorno ai primi di novembre. Ma mananco ancora in via libera di Consob e Borsa italiana che dovrebbero arrivare a metà ottobre. In Borsa arriverà una società con 1.13 miliardi di fatturato, un ebitda di 150 milioni, 1.031 negozi tra le insegne Ovs, Kids, Upim e Iana. Obiettivo del collocamento sono soprattutto gli investotori istiotuzionali americani e per questo è previsto un road show che toccherà dopo Milano anche Londra e New York. UNA CAPITALIZZAZIONE POSSIBILE DI 1 MILIARDO Sul listini di Milano approda la nuova Ovs, nata a inizio 2014 dallo spin off del gruppo Coin e secondo i calcoli degli analisti potrebbe avere una capitalizzazione di circa 1 miliardo di euro, meno degli 1,5 miliardi ipotizzati a inizio anno subito dopo il via all'operazione quotazione. Unicredit, Banca Imi, Merrill Lynch, Goldman Sachs più Hsbc e Credit Suisse in veste di joint bookrunner, affiancati dall’advisor Lazard. L’operazione che hanno pensato prevede un aumento di capitale fino a 250 milioni più il sovrapprezzo per rimborsare una buona fetta del debito e per dare modo all'azienda di poetr continuare ad aprire punti vendita: tra 40 e 80 nuovi store all’anno, secondo i piani di Beraldo. IPOTESI CESSIONE 100 STORES DI COIN E accanto alla Borsa per Beraldo si fa strada anche un'altra operazione straordinaria che riguarda Coin. I soci - Bc partners, che ha l’80,5% del capitale, Ontario Teachers (13,%) e l’Investindustrial (4,6%) che tre anni fa hanno rilevato il gruppo per 1,4 miliardi di valore d’impresa hanno in mente un cambio di strategia per le rete di negozi. Alcuni fondi di private equity internazionali con focus sui rilanci aziendali, infatti, sarebbero interessati a investire nei 100 negozi a insegna Coin che contano su un fatturato di circa 410 milioni, considerando anche i due negozi Excelsior (Milano e Verona). A curare la cessione è lo stesso consorzio di banche che sta portando in Borsa Ovs. Il prezzo ipotizzato è di circa 200 milioni di euro.

Correlati

Potresti esserti perso