Economia 4 Settembre Set 2014 1202 04 settembre 2014

Eataly, intesa con Cgil dopo lo sciopero

  • ...

La sede di Eataly a Firenze Cinquanta stabilizzazioni entro il 31 gennaio 2015, che porteranno il numero dei lavoratori a tempo indeterminato dello store di Eataly Firenze dagli attuali 22 a 72, su un organico totale pari a 97 addetti. Questo prevede l'accordo siglato ieri a Firenze dalla Cgil con l'ad del gruppo enogastronomico Francesco Farinetti. A presentare l'intesa, oggi, i sindacalisti Massimiliano Bianchi ed Enrico Talenti della Filcams ed Alessio Branciamore di Nidil, insieme al segretario della Camera del lavoro fiorentina Mauro Fuso. L'accordo, è stato spiegato, riguarda l'organico attuale, nel quale non rientrano i lavoratori a termine non rinnovati nel contratto, alcuni dei quali, lo scorso sabato, hanno organizzato uno sciopero, il primo per gli shop del gruppo, per protestare contro i mancati rinnovi e contro il ricorso all'uso del lavoro interinale, ritenuto eccessivo. LO STORE ATTIVO DA MENO DI UN ANNO. Lo store di Eataly Firenze è stato inaugurato lo scorso 17 dicembre dal patron della catena Oscar Farinetti insieme all'allora sindaco di Firenze Matteo Renzi: al momento dell'apertura, i lavoratori reclutati erano stati 131. «L'accordo firmato ieri riporterà la situazione dei lavoratori Eataly di Firenze nel quadro del contratto nazionale di categoria, con una percentuale di addetti non a tempo indeterminato entro l'8%», ha spiegato Bianchi, «Denunciammo fin da subito che veniva fatto troppo ricorso alla somministrazione e la trattativa, dal giorno successivo all'apertura del punto è partita da lì. La stabilizzazione favorirà anche lo sviluppo di organismi sindacali all'interno dello store, che al momento non sono presenti, considerato l'alto numero di precari nel personale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati