Economia 4 Settembre Set 2014 0953 04 settembre 2014

Parmalat compra il latte in Brasile

  • ...

Uno stabilimento di Parmalat in Italia. Parmalat e la brasiliana Brf hanno sottoscritto un accordo di esclusiva per l'acquisizione da parte del gruppo di Collecchio della divisione dairy (latte fresco e derivati) di quest'ultima per un corrispettivo di 610 milioni di euro circa al netto dei debiti e della cassa 'debt and cash free'. L'accordo, che è stato approvato dai rispettivi Cda, riguarda 11 stabilimenti presenti nel territorio brasiliano con relativi marchi e attività. Brf Dairy ha chiuso il 2013 con un fatturato di circa 880 milioni di euro. Parmalat ha deciso di finanziare l'operazione con mezzi propri. PER BRF RICAVI A 880 MLN NEL 2013 Il fatturato proforma della divisione dairy di Brf nel 2013 è stato pari a circa 2,6 miliardi di reais (pari a circa 880 milioni di euro). Parmalat ha chiuso il primo semestre del 2014 con un fatturato netto superiore a 2,6 miliardi, in crescita dello 0,9% sull'anno scorso, con margine operativo lordo in calo del 5,1% a 184,4 milioni e profitti operativi netti in crescita del 3,7% a 132,7 milioni. Le disponibilità finanziarie nette riportate nell'ultima semestrale ammontavano a 975 milioni, con un calo del 9,5% rispetto al dicembre 2013. MA COLLECCHIO DEVE RISARCIRE CITIBANK: 431 MILIONI DI DOLLARI Con un tempismo perfetto proprio nel giorno dell'annuncio dell'acquisizione brasiliana, Parmalat è stata condannata a risarcire 431 milioni di dollari a Citibank dalla Corte d'Appello di Bologna, da cui la Banca Usa ha ottenuto il pieno riconoscimento in Italia della sentenza del 2008 della Superior Court of New Jersey. Nell'ottobre del 2008 la Corte Usa rigettò integralmente la richiesta di risarcimento di Parmalat presentata contro la Banca, accogliendo invece le domande riconvenzionali di Citibank contro Parmalat, svolte a titolo di truffa, false rappresentazioni fornite colposamente e distrazione. A seguito della domanda di riconoscimento proposta da Citibank in Italia, la Corte d'Appello di Bologna ha ora ritenuto la sentenza statunitense riconoscibile in Italia nei confronti di Parmalat Spa, Parmalat Finanziaria Spa ed altre 8 società del Gruppo in Amministrazione Straordinaria, confermando la condanna a risarcire Citibank per 431 milioni di dollari. Citi è stata assistita dagli avvocati Fabio Guastadisegni, Carlo Felice Giampaolino, Anna Della Valle e Andrea d'Onghia dello studio Clifford Chance e dal professor Federico Carpi di Bologna.

Correlati

Potresti esserti perso