Ferrari Montezemolo 140908111147
SUCCESSIONI 10 Settembre Set 2014 0748 10 settembre 2014

Ferrari, tensioni per la successione alla presidenza

Marchionne si prende la Rossa. Buonuscita dorata a Montezemolo.

  • ...

Il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo.

L'incontro c'è stato, ed è arrivata l'ufficialità. Sergio Marchionne è il nuovo presidente della Ferrari. La decisione è maturata durante l'evento di due giorni organizzato a Maranello da Philip Morris, il principale sponsor della Ferrari, ed è stata ufficiata da Fiat Chrysler con un comunicato nella mattina del 10 settembre.
Per il presidente uscente, scaricato pubblicamente dall'amministratore delegato di Fca, potrebbe delinearsi un futuro al vertice della nuova Alitalia targata Etihad.
BUONUSCITA DORATA. Secondo quanto ha riportato La Repubblica, i due si sarebbero accordati per un addio di Montezemolo con 'l'onore delle armi'. Il presidente si dimette e il Lingotto apprezza pubblicamente il lavoro svolto, oltre a garantire una lauta buonuscita, che secondo le prime indiscrezioni non dovrebbe essere inferiore ai 14 milioni di euro.
POPOLO ROSSO CON MONTEZEMOLO. La ratifica dal Consiglio di amministrazione dovrebbe arrivare nel pomeriggio del 10 settembre, e Montezemolo passerebbe così ufficialmente le consegne a Marchionne dopo 23 anni alla guida della Scuderia del Cavallino rampante.
L'ad del Lingottto vuole chiudere in fretta e far dimenticare la cosa al più presto. Perché la polemica non pesi sullo sbarco di Fca a Wall Street.
Alcuni malumori sono già emersi, anche se non hanno un peso economico. Tra i tifosi della Ferrari, infatti, il fallimento è già evidente. Il 70% rimane con Montezemolo, solo il 30% sta dalla parte di Marchionne.
IL POLO DEL LUSSO. E l'idea del manager per il futuro ha fatto storcere il naso a molti, tra i quali il presidente uscente. Si parla di un polo del lusso, composto dai marchi Alfa Romeo, Maserati e Ferrari. Così Marchionne vorrebbe creare una società ad hoc, che unisca le esclusività del gruppo.
La quotazione sui mercati e la creazione di questo polo, potrebbero finanziare i 4-5 miliardi necessari per il rilancio di Alfa Romeo. Ma per tutto questo ci sarebbero delle sinergie molto più forti fra Torino (o Detroit) e Maranello. Un'ipotesi che a Montezemolo non sarebbe piaciuta.

Correlati

Potresti esserti perso