Mauro Moretti 140702192540
TRATTATIVE 15 Settembre Set 2014 1935 15 settembre 2014

Finmenccanica, quattro offerte per i trasporti

Proposte da giapponesi, cinesi, spagnoli e francesi. Moretti conferma.

  • ...

Mauro Moretti.

Sul tavolo di Finmeccanica ci sono quattro offerte per il settore trasporti e sono arrivate dai cinesi di Crn Insigma, dai giapponesi di Hitachi, dagli spagnoli di Caf e dai francesi di Thales. A confermare indiscrezioni è stato lo stesso amministratore delegato del gruppo di aerospazio e difesa, Mauro Moretti.
«Abbiamo avuto quattro offerte», ha annunciato aggiungendo che il gruppo intende analizzare solo le proposte arrivate entro agosto: «Stiamo esaminando quelle, con molta attenzione, nell'esclusivo interesse di Finmeccanica».
DECISIONE A FINE MESE. Sulla tempistica, Moretti ha confermato quanto già detto a giugno, cioè che a fine settembre-inizio ottobre è prevista una decisione. Moretti non ha commentato le cifre circolate sulle offerte (circa 1,5 miliardi di euro), limitandosi a dire: «Un numero non qualifica l'offerta».
Sul piatto ci sono la sofferente AnsaldoBreda, che per molto tempo è stata una vera e propria zavorra per i conti del gruppo ma che nell'ultima semestrale si è invece ben comportata; e il gioiello Ansaldo Sts, la società di segnalazione ferroviaria che farebbe gola soprattutto a Thales, colosso francese intenzionato a diventare così il leader mondiale di questo settore.
MORETTI: «OTTIMO RAPPORTO COL GOVERNO». Ma oltre agli annunci sul settore trasporti, il convegno sulla difesa cui ha partecipato Moretti è stato anche l'occasione per fare il punto su altre questioni, come il rapporto con il governo e la riorganizzazione del gruppo. «Il nostro rapporto col governo», ha detto Moretti, «mi pare ottimo: ho trovato qui quello che in altri settori sognavo, molta collaborazione e capacità di dialogo».
Comunque, ha aggiunto, «i già ottimi rapporti che ci sono devono essere accentuati nel fare accordi Paese». Secondo Moretti, in particolare, servono «programmi comuni europei: la strategia dell'Eurofighter è finita, ci dobbiamo inventare altro. La politica deve riprendere questo tema e trovare un traguardo, lì si vede la capacità di essere Europa».
«SEPARAZIONE IN DIVISIONI PROCEDE BENE». Quanto alla riorganizzazione, l'amministratore delegato ha annunciato che la separazione in divisioni «sta procedendo bene» e che nel consiglio d'amministrazione del 25 settembre è fissata la presentazione di «un altro step, uno dei primi dei cinque che ho previsto. Si tratta di un processo complesso, che verrà completato entro il 2015, non abbiamo bacchette magiche».

Correlati

Potresti esserti perso