Vittorio Conti Inps 140915200111
PREVIDENZA 15 Settembre Set 2014 2001 15 settembre 2014

Pensioni, Conti: «Serve più flessibilità»

Il commissario Inps: «No a un'età uguale per tutti i tipi di lavoratori».

  • ...

Vittorio Conti, commissario Inps.

Non può esserci una pensione per tutti. Ne è convinto Vittorio Conti, commissario Inps, che ha dato la sua ricetta a margine del seminario 'Il sistema previdenziale tra sostenibilità finanziaria e adeguatezza organizzato dalla Febaf (Federazione Banche Assicurazioni e Finanza).
«La struttura di riferimento del sistema previdenziale pubblico deve essere più flessibile», quanto «ai tempi e ai modi di uscita dal mercato del lavoro». In particolare, ha aggiunto Conti, si tratta «di non stabilire una data di uscita dal lavoro fissa, uguale per tutti».
«CI SIA LIBERTÀ DI SCELTA». Per il commissario Inps, «in base alla contribuzione raggiunta si può decidere se andare avanti o meno». Insomma, «raggiunta una certa quota di contribuzione» si potrebbe «lasciare la libertà» e far sì che la data di uscita dal mondo del lavoro sia «parte di una valutazione» soggettiva.
Conti ha sottolineato come se finora attraverso le diverse riforme «abbiamo innalzato l'età lavorativa», adesso si tratta «di rendere un pò più flessibile il sistema» visto che «non tutti i lavori sono uguali e ad esempio un minatore non può lavorare fino a 80 anni».

Correlati

Potresti esserti perso