Economia 18 Settembre Set 2014 1014 18 settembre 2014

Publicis, Maurice Lévy non lascia la poltrona

  • ...

Maurice Lévy Il presidente Maurice Lévy non molla. Salta l’avvicendamento alla presidenza del gigante della pubblicità francese Publicis, dopo che la società ha annunciato la dipartita del manager che fino a qualche tempo fa veniva considerato destinato ad assumere la carica: Jean-Yves Naouri. Lévy resterà al suo posto almeno fino a primavera 2017 mentre il seggio vacante nel Consiglio di amministrazione – in cui siedono in quattro oltre al presidente e al fuoriuscito anche Jean-Michel Etienne e Kevin Roberts – verrà assegnato a Anne-Gabrielle Heilbronner. Secondo le ricostruzioni del quotidiano finanziario Les Echos l’uscita di Naouri è conseguenza del fiasco sul tentativo di aggregazione con l’americana Omnicom, che puntava a dare vita al nuovo colosso globale del settore. Ora si ricrea l’incognita sulla successione, tenuto conto che Publicis non è certo una società abituata a cambiare spesso i vertici apicali: dalla sua fondazione nel 1926 ha avuto solo due presidenti, prima Marcel Bleustein-Blanchet e dal 1987 Lévy. La gestione operativa è stata per ora affidata a Roberts, con un mandato anche sulla formazione dei dirigenti che si concluderà in contemporanea con quello di Lévy.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso