Economia 18 Settembre Set 2014 1548 18 settembre 2014

Zalando vale fino a 5,6 miliardi

  • ...

Zalando è pronta al debutto a Francoforte potrebbe valere fino a 5,6 miliardi di euro. In Italia è diventato l'incubo dei mariti che nascondono la carta di credito alle mogli malate di shopping compulsivo, grazie anche a una pubblicità con Rossella Brescia. Ma il gruppo tedesco Zalando, astro nascente delle vendite online in Europa, è molto di più. Tanco da aver deciso di sbarcare in Borsa sul mercato regolamentato (prime standard) di Francoforte per finanziare la sua crescita in Europa. L'Ipo parte il primo ottobre, ma le azioni possono essere già acquistate in pre Ipo dal 18 settembre e il gruppo ha fissato il prezzo delle azioni in una forchetta compresa tra i 18 e 22,50 euro. L'operazione prevede la vendita totale dell'11,3% del gruppo e quindi, sulla base dei prezzi, Zalando dovrebbe incassare tra i 507 ei 633 milioni di euro basati sul prezzo delle azioni. E se il prezzo fosse fissato sulla parte alta della forhetta il valore della società potrebbe arrivare fino a 5,6 miliardi di euro. IN BORSA A FRANCOFORTE, AZIONI IN ACQUISTO DAL 18 SETTEMBRE La società è nata nel 2008 ed è presente il 15 Paesi. Alla guida c'è un gruppo di trentenni. L'idea è di partita da Robert Gentz e da David Schneider, classe 82 e 83 rispettivamente, che erano compagni di università alla Otto Beisheim School of Managment (Whu) e prima di arrivare all’e-commerce avevano cercato di fondare una sorta di Facebook universitario per l’America Latina. Sulla loro strada hanno incontrato i fratelli Oliver, Marc e Alexander Samwer, milionari fondatori di Rocket. Da lì è partito lo sviluppo di Zalando che 2013 ha chiuso il bilancio con vendite nette per 1,8 miliardi di euro e una crescita del 18%, per 600 milioni di euro. Il capitale della società è detenuto dagli svedesi di Investment Ab Kinnevik (36%), Global Founders (17%), Dst Europe (8%) e Holtzbrinck Ventures (8%). Il conosorzio di collocamento, Morgan Stanley, Goldman Sachs e Credit Suisse sono gli advisor dell’operazione, mentre Deutsche Bank e Jp Morgan saranno i joint bookrunners.

Correlati

Potresti esserti perso