Borsa 140525224737
MERCATI 19 Settembre Set 2014 0910 19 settembre 2014

Borsa, live Piazza Affari e spread del 19 settembre 2014

Guadagni dopo il no al referendum. Deciso ribasso per lo spread Btp-Bund a 126 punti base.

  • ...

Operatori in Borsa davanti ai monitor.

Giornata negativa per la Borsa di Milano, controcorrente rispetto ai mercati europei, in rialzo dopo l'esito del referendum in Scozia.
Venerdì 19 settembre, l'indice Ftse Mib ha perso lo 0,74% bruciando nel corso della giornata una buona partenza a +1,10%.
Deciso calo per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale ha segnato 126,4 punti base contro i 135,5 della chiusura di giovedì 18 settembre. Il rendimento espresso è stato del 2,36%.
RIALZI IN TUTTA EUROPA. La vittoria degli unionisti nella consultazione scozzese ha avuto effetti positivi su quasi tutti i mercati europei.
Le Borse del Vecchio Continente hanno fatto segnare nuovi massimi da sei anni e mezzo in avvio delle contrattazioni.
Nelle prime battute l'indice Euro Stoxx 600 sale dello 0,8% a 350,63 punti, segnando un nuovo record dal gennaio del 2008.

17.37 - MILANO CHIUDE IN CALO. Chiusura controcorrente per la Borsa di Milano. L'indice Ftse Mib ha perso lo 0,74% a 20.972 punti.

16.11 - EUROPA IN RIALZO, MA MILANO CALA. Le Borse europee proseguono in rialzo dopo l'apertura di Wall Street e in scia al risultato del referendum in Scozia. I listini guadagnano mediamente lo 0,4%, mentre a New York il Dow Jones segna +0,38%. Il miglior mercato è quello di Londra (+0,60%), seguita da Francoforte (+0,20%) e Parigi (+0,01%) mentre ha girato in calo Milano (-0,21%) con i ribassi di St (-4%) e del Banco Popolare (-1,9%). Fuori dal paniere principale in rosso Cattolica sull'annuncio di un aumento da 500 milioni.

15.32 - WALL STREET APRE POSITIVA. Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,16% a 17.290,14 punti, il Nasdaq avanza dello 0,32% a 4.608,21 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,1% a 2.014 punti.

12.58 - MILANO CAUTA (+0,23%): IN LUCE CNH, MPS E UNIPOLSAI. Piazza Affari ha rallentato e l'indice Ftse Mib è salito dello 0,23%, leggermente sotto i progressi in atto tra gli altri mercati europei mentre anche l'avvio di Wall Street è visto in cauto rialzo.
Rispetto al mattino hanno galoppato Cnh (+2,28%), Mps (+2,27%), UnipolSai (+1,81%) e Bper (+1,43%).
Indietro Stm (-1,56%), A2A (-0,99%), Intesa (-0,81%). Telecom Italia ha guadagnato lo 0,3% con Vivendi. Fuori dal listino principale, Cattolica ha ceduto il 5,11% dopo il piano e l'annuncio di aumento di capitale.

10.33 - MILANO SALE DELLO 0,7%. La Borsa di Milano viaggia in rialzo ma sotto i massimi segnati in avvio sulla scia del no alla secessione della Scozia e dopo i nuovi record di Wall Street nella notte. L'indice Ftse Mib è salito dello 0,70%. Gli acquisti premiano Azimut (+1,82%), Atlantia (+1,76%), Autogrill (+1,71%). Prese di beneficio su Stm (-1,95%). Debole il Banco Popolare (-0,48%). Telecom sale dell'1,21% dopo che Vivendi ha annunciato che avrà il 5,7%. Fiat guadagna l'1,09% con la collaborazione con Mitsubishi.

9.35 - ATENE GUADAGNA L'1,14%. La Borsa di Atene ha aperto in rialzo registrando un +1,14% con l'indice generale a 1.120,57 punti.

9.24 - PARIGI SALE DELLO 0,53%. La Borsa di Parigi ha aperto in rialzo dello 0,53% con l'indice Cac 40 a 4.488,29 punti.

9.21 - FRANCOFORTE POSITIVA. La Borsa di Francoforte ha aperto in progresso dello 0,52% dopo la vittoria del no al referendum sull'indipendenza della Scozia. L'indice Dax è salito a 9.849,43 punti.

9.13 - LONDRA APRE IN RIALZO. Parte positiva la Borsa di Londra, dopo la vittoria del «no» al referendum sull'indipendenza della Scozia. L'indice Ftse 100 ha segnato +0,75% a 6.870,41 punti.

Correlati

Potresti esserti perso