Economia 19 Settembre Set 2014 0800 19 settembre 2014

Cattolica, via all'aumento da 500 mln

  • ...

Cattolica assicurazioni ha carato un aumento di capitale da 500 milioni per il piano triennale 2014-2017. Il gruppo Cattolica ha deciso di esercitare la delega per un aumento di capitale fino a un massimo di 500 milioni di euro per sostenere la crescita del business, finanziare la trasformazione industriale e gli investimenti in innovazione e tecnologia e cogliere opportunità di acquisizione e partnership. L'aumento di capitale, per l'importo fissato, avverrà mediante emissione a pagamento di azioni ordinarie dal valore nominale di 3 euro da offrire in opzione ai titolari di azioni ordinarie della società. L'operazione è stata lanciata con l'approvazione del del piano triennale di sviluppo approvatro dal cda. Sono tre gli obiettivi principali: accelerazione del percorso di crescita, con un incremento di oltre 1 miliardo di raccolta premi nel periodo di riferimento; investimenti in tecnologia e innovazione, per circa 100 milioni; incremento della redditività, per oltre 200 milioni di utile netto, contro il risultato di 109 milioni segnato nel 2013, e un ritorno sul capitale (Roe) che sale al 9% dal 6,9%. BANCA IMI E MEDIOBANCA CAPOFILA DELL'OPERAZIONE Banca Imi sarà global coordinator e bookrunner nell'operazione, Mediobanca co-global coordinator e bookrunner. I due istituti di credito si sono impegnati a garantire la sottoscrizione dell'aumento di capitale per la parte eventualmente rimasta inoptata al termine dell'offerta in Borsa dei diritti inoptati, fino all'ammontare massimo di 500 milioni, ferma restando la possibile costituzione di comune accordo con la società di un consorzio di garanzia allargato in prossimità dell'avvio dell'offerta in opzione. IL PIANO TRIENNALE PREVEDE UNA RACCOLTA DI 5,8 MLD DI PREMI Il piano di impresa del gruppo Cattolica prevede una raccolta di premi per 5,8 miliardi nel 2017 e un utile netto consolidato a 209 milioni. Lo annuncia una nota. Nei Danni i premi sono visti a 2,4 miliardi con un utile netto di 139 milioni. La raccolta nel ramo Vita è attesa a 3,4 miliardi, con un utile netto di 70 milioni.

Correlati

Potresti esserti perso