Padoan 140908150406
fisco 21 Settembre Set 2014 1219 21 settembre 2014

Padoan: «Taglieremo le tasse alle imprese»

Il ministro dell'Economia: intervento sul cuneo fiscale. Smentiti ritocchi sull'Iva.

  • ...

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan.

Pier Carlo Padoan annuncia la volontà del governo di ridurre le tasse sulle imprese. «Stiamo considerando seriamente», ha detto il ministro dell'Economia in un'intervista al Corriere della Sera, «la possibilità di approfondire il taglio del cuneo fiscale e stiamo pensando di farlo dal lato delle imprese». Padoan ha assicurato che gli alleggerimenti saranno coperti dalla spending review: «gli spazi per risparmiare risorse nei ministeri sono molti», poi promette: «non aumenteremo le tasse».
«NO A RITOCCHI SULL'IVA». Il ministro ha poi smentito ritocchi sull'Iva o sulla tassa di successione: un'ipotesi, dice il ministro, «spuntata dal nulla» e di cui «non so nulla». Torna poi sugli investimenti stranieri: «All'estero c'è ancora molto interesse per l'Italia, gli investitori stranieri sono aumentati negli ultimi mesi. Ma non durerà a lungo. Bisogna sfruttare al meglio questa finestra di opportunità».
«SPAZIO PER LE RIFORME». La flessibilità? In Europa «le regole esistono perché sono necessarie per far convivere 28 paesi». E sottolinea come «nel sistema di regole che serve a monitorare le politiche nazionali c'è uno spazio crescente per la valutazione delle riforme strutturali». Secondo l'ex capoeconomista Ocse, «non è importante solo tenere i conti in ordine ma anche attuare le riforme necessarie». Questo per il ministro è «un fatto nuovo che va ulteriormente affinato e che offre spazi di flessibilità».
«SEMPLIFICARE CONTRATTI DI LAVORO». E sulle pagine del Sole 24 Ore Padoan si sofferma sulla riforma del lavoro: «va fatta», anche perché considerata «in Europa e al G20, in cima alla lista degli interventi strutturali da adottare». Mentre sul Jobs act ha spiegato che si va «verso la semplificazione dei contratti perché ce ne sono troppi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso