Istat 140924124140
ECONOMIA 24 Settembre Set 2014 1242 24 settembre 2014

Istat, export extra Ue in calo del 4,1%

Peggio l'import, -14,4% rispetto al 2013. Bene il saldo commerciale, a +14 miliardi.

  • ...

Secondo l'Istat le impostazioni dai paesi extraeuropei sono in calo del 14,1%.

Secondo l'Istat, nell'ultimo anno sono calate sia le vendite sia gli acquisti dai Paesi extra Ue.
L'istituto ha definito «ampia» la caduta tendenziale delle importazioni, che sono diminuite del 14,1% rispetto ad agosto 2013. Secondo i dati, la causa risiede nel forte calo degli acquisti di beni strumentali (-36,6%) e di energia (-21,3%).
Evidente anche il calo dell'export (-4,1%), che ha riguardato tutti i principali beni, tranne quello dell'energia, che aumenta del 5,4% rispetto allo stesso mese del 2013. «Particolarmente intensa» la flessione della vendita di beni di consumo (-6,5%).
AGOSTO 2014, LIEVE AUMENTO DELLE ESPORTAZIONI. Positivo, invece, il dato congiunturale sull'export verso i Paesi extra Ue. Ad agosto 2014 le esportazioni sono cresciute dello 0,9% rispetto al mese precedente, grazie al forte incremento dell'export di prodotti energetici (+16,4%). Sono in espansione anche le vendite di beni di consumo durevoli (+8,3%) e di quelli strumentali (+1,2%).
Rispetto a luglio 2014, le importazioni sono invece ancora calate (-3,6%). Tale flessione su base mensile dell'import ha interessato tutti i principali comparti, in particolare l'energia (-9%), i beni di consumo durevoli (-7%) e i beni strumentali (-5,5%).
SALDO COMMERCIALE DI +14,7 MILIARDI, 3 IN PIÙ DEL 2013. È incoraggiante il saldo commerciale con i Paesi extra Ue. Nei primi otto mesi dell'anno, infatti, il saldo con i paesi extra Ue è pari a +14,7 miliardi (a fronte di +11 miliardi registrati nello stesso periodo del 2013), mentre ad agosto 2014 ha segnalato un aumento 1,7 miliardi di euro. I mercati di sbocco più dinamici sono la Turchia (+8,6%) e gli Stati Uniti (+4,5%).

Correlati

Potresti esserti perso