Crisi Sharing Economy 140903175501
CRISI 25 Settembre Set 2014 1617 25 settembre 2014

Consumi, vendite al dettaglio in calo del -1,5% a luglio

L'Istat rileva «una lieve contrazione» del commercio rispetto a giugno (-0,1%).

  • ...

La crisi economica ha cambiato i consumi.

Se la ripresa c'è, non si vede. Almeno secondo le ultime rilevazioni Istat riguardanti i consumi.
I dati sul commercio a luglio sono infatti tutti negativi.
Le statistiche sulle vendite al dettaglio hanno segnato una «lieve contrazione» (-0,1%) rispetto al mese precedente.
È stata più pesante la contrazione su base annua: l'indice grezzo del valore totale delle vendite è sceso dell'1,5%.
IN CALO ANCHE GLI ALIMENTARI. Variazioni annuali negative si sono registrate sia per le vendite di prodotti alimentari (-2,5%), sia per i non alimentari (-1%).
Nella media del trimestre compreso tra maggio e luglio 2014, l'indice ha mostrato una flessione rispetto ai tre mesi precedenti (-0,5%).
Con riferimento alla forma distributiva, nel confronto con il mese di luglio 2013 le vendite sono diminuite sia per le imprese della grande distribuzione (-0,9%) sia per quelle operanti su piccole superfici (-2%).
Nei sette mesi, l'indice grezzo è diminuito dell'1,1% rispetto allo stesso periodo del 2013.
AUMENTATI I CONSUMI PER SPORT. Per quanto riguarda il valore delle vendite di prodotti non alimentari, a luglio, sono aumentati, in termini tendenziali, i consumi per i giocattoli, lo sport e il campeggio (+1,2%) e sono rimaste invariati per il gruppo foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali.
Le vendite diminuiscono in tutti gli altri gruppi di prodotti: la flessione più marcata riguarda il gruppo cartoleria, libri, giornali e riviste (-3,6%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati