Economia 26 Settembre Set 2014 1830 26 settembre 2014

Bill Gross lascia Pimco per Janus Capital

  • ...

Bill Gross ha fondato Pimco nel 1971. Si è dimesso per passare a Janus Capital. Il 24 settembre scorso è finito sotto inchiesta da parte della Sec con l'accusa di aver gonfiato i rendimenti di un Etf, il 26 settembre ha cambiato società di gestione. Il timing del passaggio di Bill Gross da Pimco, il più grande gestore obbligazionario del mondo che ha fondato, a Janus Capital è quanto meno strano. A dare notizia del passaggio di Bill Gross è Richard M. Weil, il ceo di Janus Capital che in una nota ha scritto: «Il suo coinvolgimento offre a Janus un'opportunità unica per offrire strategie e prodotti altamente complementari alla gamma già gestita dal nostro team del reddito fisso». Insomma, Gross va a fare il lavoro di sempre per cui ha un track record decennale. Il gestore è effettivo in Janus da lunedì 29 settembre e metterà le mani sui fondi solo il 6 ottobre prossimo, ma la notizia del suo arrivo ha già portato un guadagno netto a Janus: il titolo è salito del 19% a Wall Street il 26 settembre subito dopo l'annucio dell'arrivo del gestore. Allianbza, invece, che controlla Pimco ha avuto un ribasso del 7,3%. IL RE DEI BOND PASSA DA 1.900 MLD A 178 MLD DI ASSET IN GESTIONE Gross non si trasferisce a Denver, dove ha sede Jnus: lavorerà dal nuovo ufficio a Newport Beach, in California. Per Gross è l'addio a Pacific Investment Management Company (Pimco) la compagnia californiana che ha fondato nel 1971. E arriva a pochi giorni dallo scandalo dell'indagine della Sec sul fondo Pimco Total Return Etf (3,6 miliardi di dollari di asset) e dopo il forte dissenso che hanno portato e il delfino designato, il gestore Mohamed El-Erian, a dare l'addio alla società a marzo 2014. Così «Bond King», come vine soprannominato Gross ha lasciato la sua creatura che ha asset in gestione per 1.900 miliardi di dollari per approdsare in Janus dove trova solo 178 miliardi di dollari di patrimonio da gestire. E secondo indiscrezioni riportate dall'emittente televisiva Cnbc, Gross ha preferito giocare d'anticipo, dal momento che stava per essere licenziato «a causa del suo comportamento sempre più inaffidabile». IL LACONICO ADDIO DI PIMCO AL FONDATORE CONFERMA I DISSAPORI La conferma dei dissapori sembra arrivare dall'addio di Pimco a Gross che è passato attraverso un laconico comunicato e un tiepido grazie. La società ha confermato che Douglas Hodge and Jay Jacobs mantengono i rispettivi incarichi di amministratore delegato e presidente. «Siamo riconoscenti per il contributo di Bill alla costruzione della nostra società», ha affermato Hodge. «Si sono fatte sempre più marcate nel corso di quest'anno le differenze tra la leadership della società e Bill su come portare avanti la società». Hodge ha poi assicurato che Pimco ha pronto «un piano di successione» per garantire al meglio la gestione della transizione nel team.

Correlati

Potresti esserti perso