Economia 26 Settembre Set 2014 1825 26 settembre 2014

Piazza Afari chiude positiva: +1,88%

  • ...

Piazza Affari a Milano Ancora una volta Piazza Affari ha fatto meglio delle altre Borse europee, con un rialzo dell'1,88% a 20.795 punti dell'indice Ftse Mib, tra scambi brillanti ma in discesa rispetto alla ultime sedute, per oltre 2,5 miliardi di euro di controvalore. A parte Pirelli (-0,64%) nessun altro titolo ha chiuso in calo sul listino principale, dove sono emerse Yoox (+6,09%) e Cnh (+5,03%), secondo gli analisti di Natixis ancora "molto sottovalutata in Borsa", in vista della ripresa dell'edilizia negli Usa. BENE I BANCARI. Occhi puntati anche sulle Popolari Ubi (+4,85%), Banco Popolare (+4,18%) e Bper (+3,18%), su ipotesi di possibili consolidamenti dopo gli stress-test dell'Eba, mentre è rimasta indietro Bpm (+0,55%). Sugli scudi anche Intesa (+2,71%) e Unicredit (+2,22%), seguite da Enel (+2,02%), A2a (+1,88%) e Telecom (+1,86%), il cui Cda si è riunito oggi per decidere sulla richiesta di proroga dei termini chiesta da Fintech per l'acquisto di Telecom Argentina, mentre il consigliere Tarak Ben Ammar ha definito "da Disneyland" la proposta di Sol Trujillo ed il braccio destro di Naguib Sawiris ha confermato l'interesse di Orascom per l'operatore italiano. POSITIVI GLI ASSICURATIVI. Rialzi più modesti per Generali (+1,41%), entrata a far parte dei "titoli preferiti" di Bofa al posto di Axa, con tanto di raccomandazione di acquisto e prezzo obiettivo a 19 euro, a fronte degli attuali 16,5 euro. Sugli stessi livelli Luxottica (+1,42%), in vista della nomina del secondo Ad, che secondo il Sole24Ore potrebbe essere il direttore generale Usa di Chanel John Galantic. Bene Atlantia (+2,09%) e Wdf (+1,83%), più cauta invece Autogrill (+0,63%). Invariata Seat, dopo un balzo di oltre il 7% a seguito dell'assenza di oppositori all'udienza per l'omologa del concordato preventivo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso