Economia 8 Ottobre Ott 2014 1825 08 ottobre 2014

London Mining crolla sotto l'ebola

  • ...

Alcuni dipendenti di London Mining in Sierra Leone. Il virus Ebola comincia a mietere vittime anche in Borsa. London Mining, azienda mineraria britannica attiva in particolare in Sierra Leone, dopo aver perso fino al 90% del proprio valore ha terminato la seduta alla Borsa di Londra in caduta del 77%. Il problema, secondo quanto riferisce l'agenzia Bloomberg, è che l'epidemia ha scoraggiato i potenziali investitori nella miniera africana e, per lo stesso motivo, la compagnia, che non dispone della liquidità necessaria, non riesce neanche ad avere accesso al credito. SERVE AUMENTO DI CAPITALE È stata la stessa società ad avvertire che «il cda crede che ci sarà poco o nessun valore residuo nell'azione», visto che «l'epidemia di Ebola ha creato difficoltà significative sia per il processo di investimento strategico avviato a maggio che per la performance attuale dell'attività». La discussione con i potenziali investitori con l'obiettivo di una significativa iniezione di capitali per continuare lo sfruttamento della miniera, insomma, non offre alcuna certezza. Tra l'altro la London Mining già si trovava in difficoltà a causa delle quotazioni del ferro, che con la crisi della siderurgia sono ai minimi dal 2009. La piccola società concentra la propria attività nella miniera di ferro di Marampa, in Sierra Leone, uno dei Paesi maggiormente colpiti dal virus, dove dà lavoro a 1.600 persone, ma ha in piedi altri progetti in Arabia Saudita e Groenlandia.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso