Economia 13 Ottobre Ott 2014 1816 13 ottobre 2014

Luxottica vede nero, bruciati 1,82 miliardi

  • ...

La sede di Luxottica Luxottica crolla a Piazza Affari e brucia 1,82 miliardi di euro di capitalizzazione. All'origine del tracollo, con il titolo che ha perso il 9,23% a 37,29 euro, le dimissioni dell'A.d. Enrico Cavatorta, a meno di un mese dalla sua nomina. Dimissioni lette con estrema preoccupazione dagli analisti e dal mercato. L'uscita di Cavatorta solleva preoccupazioni sulla governance di Luxottica, afferma Citi, che parla di un "poco invidiabile" record della dimissioni di due amministratori delegati in 40 giorni e ritiene non facile trovare forti candidati per la posizione di un co-amministratore delegato da affiancare a Massimo Vian, a.d in pectore per l'area Operations e prodotto. Gli analisti americani hanno tagliato il target price del 18%, da 47 a 38,5 euro. Per Exane il tema della guida della società appare più legato a questioni di successione che non a specifici problemi di business. PESA SUL TITOLO L'USCITA DELL'AD CAVATORTA. L'uscita di Cavatorta, a quanto è emerso, è legata al ruolo assunto all'interno di Luxottica, pur in assenza di specifici incarichi, da Francesco Milleri, imprenditore dell'Ict che gode della fiducia di Del Vecchio e della moglie, Nicoletta Zampillo. JpMorgan parla dell'uscita di Cavatorta, che in 15 anni al servizio di Del Vecchio ha giocato un "ruolo chiave" nell'espansione di Luxottica, come di una "grande perdita" e segnala che il titolo potrebbe continuare ad essere volatile nel caso in cui l'instabilità del management perdurasse. Il titolo è stato tagliato a 'hold' da 'buy' da Deutsche Bank e da 'accumulate' a hold da parte di Banca Akros. Equita Sim, oltre ad abbassare il giudizio, ha escluso il titolo dal suo portafoglio di "small cap". Parla di notizia "negativa" anche Intermonte in quanto "evidenzia una debolezza del sistema pensato dal fondatore per la successione" ad Andrea Guerra, uscito dal gruppo all'inizio di settembre per divergenze con Del Vecchio.

Correlati

Potresti esserti perso