Tasi 141015071225
TASSE 15 Ottobre Ott 2014 0710 15 ottobre 2014

Tasi, pagamenti entro il 16 ottobre per 15 milioni di italiani

Balzello da saldare a Milano e Roma. Ma ci sono Comuni che hanno rinviato tutto al 16 dicembre.

  • ...

Il 16 ottobre la Tasi scade per 15 milioni di italiani.

Il tempo per pagare la Tassa sui servizi indivisibili (Tasi) sta per scadere. Giovedì 16 ottobre è, infatti, il termine ultimo per saldare l'imposta - in pratica il balzello ha preso il posto dell'Imu sulla prima casa - per circa 15 milioni di italiani (proprietari di immobili, ma pure inquilini) residenti in quei Comuni (circa 5.200) che non avevano deciso né comunicato la quota da pagare in tempo per la scadenza del 16 giugno. Come Milano e Roma.
UNICA RATA IL 16 DICEMBRE. Ma non per tutti la data da segnare è quella di ottobre. Perché ci sono ancora amministrazioni locali che hanno mancato pure la scadenza del 10 settembre per deliberare sulla Tasi. Per coloro che abitano in quei Comuni, quindi, la scadenza della tassa slitta al 16 dicembre (il pagamento sarà in un'unica soluzione).
OGNI COMUNE FA DA SÉ. Per orientarsi nel rebus della Tasi, è dunque necessario capire cosa è stato deciso dal proprio Comune di residenza, che, a differenza di quanto accadeva con l'Imu, ha più autonomia e oltre a decidere le scadenze, può deliberare sull'ammontare delle aliquote e sulle esenzioni.
PAGANO PURE GLI INQUILINI. Oltre ai proprietari degli immobili di prime e seconde case, sono chiamati a pagare anche gli inquilini in affitto almeno da sei mesi per un quota che varia dal 10% al 30% (ci sono Comuni, come Torino, Firenze e Palermo prevedono esenzioni per gli inquilini).
ALIQUOTE DECISE DAI SINDACI. Anche sull'aliquota della Tasi non c'è unicità. La legge di stabilità ha fissato un range che va dall'1 per mille fino al 2,5 per mille per la prima casa e del 10,6 per mille per la seconda. Poi il governo ha concesso ai Comuni la possibilità di aumentare le aliquote fino a un massimo dello 0,8%.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso