Economia 17 Ottobre Ott 2014 1538 17 ottobre 2014

Meridiana riduce esuberi a 1.366

  • ...

Un aereo della flotta Meridiana che ha chiesto la mobilità per 1.634 dipendenti e ora ha abbassato in numero a 1.366.
Per i sindacati è un nulla di fatto, per l'azienda è un passo avanti. Dopo l'incontro al Ministero del Lavoro tra azienda, governo, sindacati e istituzioni locali, Meridiana ha proposto una riduzione del numero degli esuberi di 268 lavoratori. Il numero di esuberi scenderebbe così da 1.634 a 1.366 unità. La riduzione sarebbe di 178 esuberi (di cui 37 andrebbero a tempo determinato in Air Italy), più 90 pensionabili. L'azienda avrebbe anche chiesto la continuità territoriale 2 in esclusiva: cioè le tratte da Cagliari e Olbia per Bologna, Torino, Napoli, Verona in esclusiva. «Resta ferma la richiesta di Meridiana di riconoscere al proprio personale, così come avvenuto per Alitalia, un trattamento di mobilità di durata di fino a cinque anni, alle medesime condizioni economiche previste oggi dalla Cassa integrazione straordinaria - dunque all'80% della retribuzione - portando il periodo complessivo di sostegno sociale sino a nove anni» ha fatto sapere l'azienda. OCCHI PUNTATI SUL 21 OTTOBRE Meridiana auspica che entro il 21 ottobre si possa dare attuazione a questo progetto in modo condiviso e ha sottolineato che il fattore tempo è fondamentale per la ristrutturazione dell'azienda. «Nulla di fatto». È questo il giudizio del segretario generale della Filt-Cgil, Franco Nasso, sull'incontro su Meridiana. «'è stata la proposta di un leggero ridimensionamento degli esuberi ma senza modificare la sostanza: siamo ancora alla situazione del 23 settembre, la proposta è un passo avanti solo marginale. Il 21 alla presenza dei ministri si verificherà se ci sono le condizioni, se mantengono la proposta di oggi il giudizio è assolutamente negativo», ha detto Nasso che ha ricordato che la mobilità resta congelata fino al 21 ottobre.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso