Matteo Renzi 140727221838
CONTI 19 Ottobre Ott 2014 2051 19 ottobre 2014

Bonus mamme: costa 1,5 miliardi l'anno

Oltre 500 mila bambini nati in Italia nel 2013.

  • ...

Matteo Renzi, presidente del Consiglio.

Un conto da 1,5 miliardi l'anno. È quanto costerà alle casse dello Stato il bonus da 80 euro annunciato dal premier, Matteo Renzi, che verrebbe assegnato sotto i 90 mila euro di reddito. Il conto (pur senza tener in considerazione le limitazioni di reddito) è semplice: nel 2013 sono nati 514 mila bambini (il minimo storico, sostenuto dal 20% di nascite da madri straniere) e se questi dati venissero confermati lo Stato, per versare 80 euro per 12 mesi a ogni mamma, dovrebbe far fronte ad un'uscita di circa 493 milioni di euro per il 2015. Che diventerebbero il doppio il secondo anno (ai bambini del 2015 si sommeranno quelli del 2016) ed il triplo il terzo, per un totale appunto di 1,5 miliardi. Che si stabilizzerebbe poi dal 2018, con un'uscita costante di 1,5 miliardi, visto che da quell'anno non si verseranno più i 500 milioni ai nati nel 2015.
IL PRIMO FU BERLUSCONI. Si tratta dell'ultima iniziativa in ordine temporale a favore delle mamme, con l'obiettivo di dar loro un sostegno economico ma anche di fornire una sorta di incentivo alla maternità, in un Paese che, dal 2008, fa segnare un andamento decrescente delle nascite.
Il primo a intervenire sul tema fu Silvio Berlusconi, con la Finanziaria del 2006. «Caro..., felicitazioni per il tuo arrivo! Lo sai che la nuova legge finanziaria ti assegna un bonus di 1.000 euro? I tuoi genitori potranno riscuoterlo presso...»: così iniziava la lettera che l'allora premier inviava ai nascituri, dopo l'introduzione di un bonus di quell'ammontare per ogni figlio nato o adottato nel 2005 o per ogni secondo o ulteriore figlio nato o adottato nel 2006. Un bonus che portò con sé numerose polemiche, soprattutto dopo che nel 2011 il Tesoro emise una nota con cui chiedeva a circa 8 mila famiglie la restituzione dei 1.000 euro. E ricordando che il bonus riguardava chi risiedeva in Italia con cittadinanza comunitaria, con un reddito del nucleo familiare non superiore a 50 mila euro.
I VOUCHER DELLA FORNERO. Nel 2012, la riforma Fornero (per il triennio 2013-2015) tornò sull'argomento, erogando 20 milioni di euro per andare incontro alle esigenze delle mamme lavoratrici che non intendono usare il congedo parentale dopo quello obbligatorio. In questo periodo le madri che rientrano al lavoro possono ottenere un contributo da 300 euro per sei mesi, sotto forma di voucher dell'Inps, da spendere per servizi di baby sitter o per l'iscrizione del figlio ad un asilo accreditato.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso