Economia 20 Ottobre Ott 2014 1050 20 ottobre 2014

Btp Italia: 5 ragioni per investire

  • ...

La settima emissione dei Btp Italia è cominciata il 20 ottobre 2014. È cominciato il conto alla rovescia verso lla nuova emissione del Btp Italia, i titoli cosiddetti «a rendimento reale», perché hanno una cedola fissa e una parte variabile legata all'inflazione italiana, che garantisce il recupero del costo della vita. Si tratta del settimo collocamento ed è cominciato il 20 ottobre 2014, con richieste per quasi 3 miliardi di euro. Il taglio minimo per acquistarli è di mille euro. Ora in assenza di inflazione la caratteristica principale del titolo parrebbe emarginata e il suo appeal finito. Ma non è così: perché basta una variazione modesta del costo della vita, nell’arco dei sei mesi in cui la cedola matura, perché, oltre al flusso per interessi, all’investitore venga accreditata la quota parte del costo della vita salito anche in misura impercettibile. Ecco cinque ragioni per investire ancora in Btp Italia. 1. L'EMISSIONE DI APRILE 2014 GUADAGNA NONOSTANTE LA DEFLAZIONE L’emissione di aprile 2014, essa pure come si è anticipato con durata 6 anni, sta evidenziando non solo un discreto guadagno in conto capitale (è scambiata a 103,50 circa contro il prezzo di collocamento di 100), ma riporta pure un modesto premio, al momento, legato al coefficiente d’indicizzazione (l’inflazione maturata) pari a 1,00068 rispetto all’1 di sei mesi fa. 2. LA CERTEZZA DEL PREZZO DI COLLOCAMENTO A questa prima ragione di interesse nei confronti del Btp Italia ne segue un’altra, che fa riferimento alla certezza del prezzo di collocamento, 100, e alla certezza, per i soli risparmiatori tradizionali, che il valore nominale richiesto verrà soddisfatto per intero. 3. LA DURATA DI 6 ANNI GIOCA A FAVORE La terza motivazione che favorisce l’acquisto del titolo del Tesoro è proprio la durata: sei anni. Un arco temporale nel corso del quale un ritorno dell’inflazione a valori sensibilmente superiori agli attuali può verificarsi, integrando in misura rilevante il flusso semestrale per interessi. 4. IL PREMIO DEL SEI PER MILLE Accanto a questa opportunità se ne affianca una ulteriore: il premio del 6 per mille a chi manterrà in portafoglio il titolo fino alla naturale scadenza. 5. LA FACILITÀ DI VENDITA IL TITOLO Infine, quinto elemento a supporto della decisione di aderire al collocamento del settimo Btp Italia, è la facilità con cui è possibile venderlo sul mercato, laddove se ne avesse la necessità o, in caso di incremento interessante della quotazione, per monetizzare il guadagno in conto capitale. Si tratta di un’emissione definita liquida, perché è altrettanto facile cederla nel mercato secondario, ma anche acquistarla. In questo caso, però il premio del 4 per mille non spetterà al compratore, perché si tratta di un benefit a favore dei sottoscrittori in fase di collocamento.

Correlati

Potresti esserti perso