Piazza Affari 140116093239
BORSA 23 Ottobre Ott 2014 1845 23 ottobre 2014

Fedrigoni, salta lo sbarco a Piazza Affari

Il gruppo cartiero: «Azioni ritirate a causa dei mercati deteriorati». Rischio di rinvio per altre matricole.

  • ...

Un trader in Piazza Affari a Milano.

Lo sbarco previsto dell'azienda Fedrigoni a Piazza Affari è saltato.
Il gruppo cartiero che controlla il marchio Fabriano ha «deciso di procedere al ritiro» dell'offerta di vendita e sottoscrizione delle sue azioni a causa del «sempre più marcato deterioramento delle condizioni dei mercati finanziari».
Al termine del periodo di offerta globale, curata da Bnp Paribas e Unicredit, sarebbe stata prenotata solo una parte delle azioni poste in vendita.
Gli investitori, vista la volatilità sui mercati, hanno preferito restare alla finestra anziché assumersi il rischio dell'operazione.
TRA IL 35 E IL 40% DEL CAPITALE. Da qui la decisioni di ritirare l'ipo, attraverso la quale Fedrigoni avrebbe voluto portare in Borsa una quota compresa tra il 35 e il 40% del suo capitale.
In ogni caso il gruppo veronese - che già nel 2011 aveva visto infrangersi un primo tentativo di ipo contro il muro eretto dalla crisi finanziaria - ha confermato «che la quotazione sul mercato finanziario resta un obiettivo strategico, anche in considerazione del forte apprezzamento e interesse dimostrati dagli investitori italiani e internazionali».
SALTATE ANCHE INTERCOS E ITALIAONLINE. La ritirata di Fedrigoni è arrivata dopo quelle di Intercos e ItaliaOnLine, le cui ipo sono saltate recentemente proprio a causa delle nubi che si sono addensate sui mercati.
Si sentono minacciate anche le matricole attese allo sbarco in Borsa prima della fine dell'anno: Zanetti, Favini e RayWay. Per Zanetti si parla già di un rinvio al 2015 mentre RayWay avrebbe concordato con la Consob un rallentamento dell'iter di quotazione, chiedendo di frenare il via libera al prospetto informativo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso