Economia 23 Ottobre Ott 2014 1030 23 ottobre 2014

Pasta, corre l'export: +5,4% nel 2013

  • ...

Cresce l'export di pasta italiana. Secondo la ricerca firmata da Doxa "Gli italiani e la pasta", commissionata da Aidepi, l'Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiana, l'industria italiana mantiene il primato per produzione, consumo nazionale ed export. Nel mondo si producono più di 14 milioni di tonnellate di pasta e la produzione nazionale di pasta nel 2013 ha superato i 3,4 milioni di tonnellate di prodotto, con una crescita del 2,3% rispetto all'anno precedente, per un valore di oltre 4,6 miliardi di euro. Nel 2013 sono state esportate 1.901.354 tonnellate di pasta, +5,4% sul 2012, mentre a valore l'export ha portato alle aziende produttrici oltre 2 miliardi di euro, con un aumento del 3,9% UN ITALIANO SU DUE CONSUMA PASTA TUTTI I GIORNI. Secondo l'indagine il 99% degli italiani ama la pasta e il 44% la consuma quotidianamente: "un rito che resiste nonostante i cambiamenti della società, dei consumi e dei costumi". I lavori congressuali saranno preceduti dal'Assemblea annuale dell'International Pasta Organisation dove si procederà tra l'altro alla ratifica del nuovo presidente, l'italiano Riccardo Felicetti, già presidente del gruppo pasta di Aidepi. Secondo l'indagine "gli italiani e la pasta", il 69% degli intervistati la consuma con assiduità, da 4 a 7 volte la settimana. E' un alimento veramente trasversale - aggiunge l'indagine - perchè piace sia agli uomini che alle donne (51% per i primi, 49% per le seconde), in un'età che va dai 30 agli 80 anni. Gli italiani confermano, infine, di avere ben recepito i consigli delle tante campagne di educazione alimentare sull'importanza della dieta mediterranea: il 95% degli intervistati, infatti, porta in tavola una porzione di pasta tra gli 80 e i 100 grammi, ovvero la dose consigliata dai nutrizionisti per un consumo quotidiano. L'importanza del World Pasta Day - sottolinea Aidepi -si riflette anche nei numeri.

Correlati

Potresti esserti perso