Economia 28 Ottobre Ott 2014 1054 28 ottobre 2014

Piazza Affari rimbalza con i bancari

  • ...

Dopo la chiusura negativa di lunedì 27 ottobre (qui l'articolo) le borse europee rimbalzano. A far correre il segno positivo sono i bilanci trimestrali, un quarto delle società dell'indice Stoxx Europe 600 hanno diffuso i risultati del trimestre. Secondo Thomson Reuters, il 66% ha centrato gli obiettivi di utile o fatto anche meglio e il 61% ha rispettato, se non superato, quelli di fatturato. In termini assoluti le società europee hanno mostrato un aumento di 12,6% dell'utile trimestrale e dell'1,9% del fatturato. PIAZZA AFFARI RECUPERA. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib recupera lo 0,90% e si riporta a quota 19.200 punti con le banche tutte in ripresa, anche Mps (+3,69% a 0,814 euro) e Banca Carige (+4,93% a 0,0809 euro), bocciate senza appello all'esame della Bce. La Consob ha deciso di vietare le vendite allo scoperto su entrambe le azioni fino a lunedì 10 novembre. Sale poi del 2,79% a 6,82 euro Mediobanca che ha chiuso il primo trimestre dell'esercizio 2014-2015 con un utile netto di 160 milioni di euro, in calo dai 171,2 milioni di un anno prima per l'assenza dei proventi da cessioni di partecipazioni. Il dato è comunque superiore alle indicazioni del consenso raccolto dalla stessa banca pari a 120 milioni. In rialzo anche Unicredit (+0,70% a 5,775 euro), Intesa Sanpaolo (+0,88% a 2,302  euro), Ubi Banca (+0,92% a 6,035 euro), Bpm (+0,63% a 0,6195 euro), Bper (+0,82% a 6,165 euro) e il Banco Popolare (+1,07% a 12,23 euro). FIAT CHRYSLER ACCELERA. Acquisti anche su Fiat Chrysler (+0,75% a 7,355 euro) anche se l'authority americana per la sicurezza stradale ha aperto un'indagine su come Chrysler ha gestito i richiami di circa un milione di pickup Dodge Ram negli Stati Uniti per possibili problemi allo sterzo. La National Highway Traffic Safety Administration sta monitorando la lentezza con cui sono stati eseguiti questi richiami e le "scarse comunicazioni" da parte di Chrysler in merito a possibili problemi con i ricambi.   In risposta Chrysler ha fatto sapere sta cooperando con l'agenzia. «I clienti sono stati avvertiti come prevedono i regolamenti sui richiami», ha fatto sapere il portavoce di Chrysler, Eric Mayne. «Stiamo costantemente alimentando la fornitura di ricambi. Chrysler è dispiaciuta per qualsiasi inconveniente possa essere capitato ai nostri clienti». Tutto questo alla vigilia del cda sui conti del terzo trimestre, il primo del Lingotto dopo la nascita di Fiat Chrysler e la conseguente quotazione del titolo a Wall Street.  Oltre ai conti del terzo trimestre, il board di Fca dovrà valutare se confermare o meno i target 2014, che prevedono ricavi superiori a 93 miliardi e un utile netto tra 600 e 800 milioni, e se il gruppo ha necessità di un rafforzamento patrimoniale. Infine, tra le utility, Snam spunta un progresso dello 0,87% a 4,172 euro grazie a JP Morgan che ha alzato il target price da 4,5 a 4,71 euro, confermando il rating overweight. Viceversa il broker ha abbassato la raccomandazione su Terna (+0,16% a 3,872 euro) da overweight a neutral, anche se il target price è stato alzato da 4 a 4,09 euro.

Correlati

Potresti esserti perso