Fiat Marchionne 140129183320
AZIENDE 29 Ottobre Ott 2014 1428 29 ottobre 2014

Ferrari scorporata da Fca, che conferma i target

Via libera del board: separazione con offerta pubblica per il 10% del capitale.

  • ...

Il presidente di Fiat, John Elkann, e l'amministratore delegato del Lingotto Sergio Marchionne.

Ferrari sarà scorporata da Fca, il gruppo nato dalla fusione di Fiat e Chrysler.
La separazione verrà effettuata con un'offerta pubblica di una parte della partecipazione di Fca in Ferrari pari al 10% del capitale.
La restante parte verrà distribuita tra gli azionisti.
Le azioni del Cavallino saranno quotate negli Stati Uniti e in un altro mercato europeo.
ELKANN: «PIENA AUTONOMIA». «La distribuzione ai suoi azionisti della partecipazione in Ferrari offre a Exor un'opportunità storica: accompagnare una nuova fase dello sviluppo della Casa di Maranello, garantendole completa autonomia e indipendenza perché possa progettare al meglio il proprio futuro industriale e sportivo», ha dichiarato il presidente di Exor e di Fca, John Elkann.

RALLY IN BORSA. L'annuncio dello spin off ha provocato un rally in Borsa di Fca, che si è portata a quota 8,6 euro (+12,8%) con un boom di scambi dopo essere stata fermata in asta di volatilità.
UTILE NETTO 600-800 MILIONI. Nel giorno del primo consiglio d'amministrazione a Londra, Fca ha confermato i target 2014: ricavi a 93 miliardi, ebit fra 3,6 e 4 miliardi, utile netto di 600-800 milioni, indebitamento netto industriale tra 9,8 e 10,3 miliardi di euro.
Secondo i risultati approvati dal cda, Fca ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro.
Fca ha chiuso il terzo trimestre 2014 con un utile netto pari a 188 milioni di euro, in linea con quello del terzo trimestre 2013.

Convertendo fino a 2,5 miliardi di dollari

Il cda di Fca ha dato il via libera a un convertendo da un ammontare nominale complessivo sino a 2,5 miliardi di dollari Usa di obbligazioni a conversione obbligatoria mediante un'offerta registrata presso la Sec e rivolta a investitori istituzionali statunitensi e internazionali.
EXOR INVESTE 600 MILIONI. Exor ha aderito all'emissione del bond convertendo con un investimento di circa 600 milioni di euro. L'investimento, che sarà effettuato attingendo alle risorse disponibili, ha l'obiettivo «di contribuire al rafforzamento patrimoniale» di Fca, favorendo la realizzazione degli obiettivi del piano 2014-2018.
MARCHIONNE: «SOLIDA PERFORMANCE IN UN CONTESTO DIFFICILE». Nella nota diffusa ai mercati, l'amministratore delegato Sergio Marchionne ha dichiarato che «i risultati del Gruppo nel terzo trimestre dimostrano una solida performance in un contesto di mercato difficile, particolarmente in America Latina. Siamo in linea per conseguire gli obiettivi che ci siamo dati per l'intero esercizio 2014. Con la creazione di Fca e il suo debutto al listino di New York abbiamo intrapreso una nuova fase come azienda globale con possibilità sempre maggiori».
Marchionne manterrà inoltre la carica di presidente della Ferrari anche dopo lo scorporo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso