Economia 30 Ottobre Ott 2014 1048 30 ottobre 2014

Sanofi, il cda licenzia Viehbacher

  • ...

Christopher Viehbacher Il gruppo farmaceutico Sanofi, uno dei più importanti di Francia, ha annunciato il licenziamento del suo direttore generale, Christopher Viehbacher, accusato di una gestione troppo autonoma e solitaria dell'azienda. A prendere il suo posto, in attesa della nomina di un nuovo direttore generale, sarà il presidente del Consiglio d'amministrazione, Serge Weinberg. Dall'annuncio del licenziamento, il quarto gruppo farmaceutico mondiale ha perso il primo posto per capitalizzazione nel Cac 40 (l'indice della Borsa di Parigi) bruciando circa 15 miliardi di euro. LE MOTIVAZIONI DEL LICENZIAMENTO. «Il proseguimento dello sviluppo richiede oggi un management che raggruppi maggiormente i talenti, un focus più importante sull'attività e una stretta e fiduciosa collaborazione con il consiglio di amministrazione», spiega l'azienda in una nota, come per giustificare la decisione ''unanime'' del cda, che già da giorni era oggetto di voci e indiscrezioni. Intervistato telefonicamente, Weinberg ha annunciato che la scelta di mandare a casa il dirigente di nazionalità tedesca e canadese non si traduce in ''inflessioni strategiche'' o ''inquietudini particolari sulle prospettive economiche''. Mentre lo sviluppo di piattaforme di crescita, che riuniscono le attività strategiche di Sanofi grazie ad un importante sforzo di innovazione e ricerca, resta all'ordine del giorno». CONTINUA LA STRATEGIA DELLE ACQUISIZIONI. Anche in materia di acquisizioni, Sanofi continuerà a studiare la possibilità di rafforzarsi in diversi settori ma esclude mega-fusioni. L'addio a Viehbacher - artigiano del risanamento, che i suoi dipendenti definivano 'The smiling killer' - è fondamentalmente una questione di stile di management e anche di esecuzione (...) non riguarda la persona'', ha insistito Weinberg, citando, ad esempio, l'episodio 'Phoenix', che riguardava la vendita di vecchi medicinali del gruppo; un dossier che il consiglio di amministrazione aveva ''scoperto attraverso la stampa''. Viehbacher, 54 anni, dirigeva Sanofi dal primo dicembre 2008. Secondo la stampa, il Cda non ha nemmeno apprezzato la decisione di Viehbacher di guidare Sanofi da Boston. In particolare, alcuni membri temevano che il centro di gravità dell'azienda potesse spostarsi negli Stati Uniti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso