Economia 4 Novembre Nov 2014 1940 04 novembre 2014

Gtech dice sì a Georgia Worldwide

  • ...

Il presidente di Gtech, Lorenzo Pelliccioli. Via libera dell'assemblea straordinaria degli azionisti di GTech (ex Lottomatica) alla fusione transfrontaliera nella controllata di diritto inglese Georgia Worldwide, che si inserisce nel contesto della più ampia operazione di acquisizione di International Game Technology (Igt) da parte di GTech. Al perfezionamento dell'operazione, la NewCo diventa la holding del gruppo risultante dall'aggregazione tra GTech e Igt, con sede legale a Londra e sedi operative a Roma, Las Vegas e Providence. Le azioni ordinarie di NewCo saranno quotate al New York Stock Exchange (Nyse). NASCE UN GRUPPO DA 6 MILIARDI DI DOLLARI Con la fusione di GTech in Georgia Worldwide nasce un gruppo da un fatturato superiore ai 6 miliardi di dollari. Lo ha detto l'a.d. di GTech, Marco Sala, sottolineando che «Igt è azienda leader nel mondo nella copertura dei casinò con quota di mercato mondiale di circa il 30%». A riguardo il presidente GTech, Lorenzo Pellicioli, rispondendo a una domanda di un azionista, ha sottolineato «la sede inglese non è assolutamente motivata da ragioni di tipo fiscale. Potrebbero esserci dei vantaggi fiscali che non sono stati però valutati nel momento della scelta della sede». IL PREZZO DELLA AZIONI È 19,174 EURO Al termine dell'operazione gli azionisti di GTech riceveranno un'azione ordinaria di NewCo per ogni azione GTech posseduta. Il prezzo di liquidazione unitario delle azioni GTech da corrispondere agli azionisti che avranno legittimamente esercitato il diritto di recesso è pari a 19,174 euro. Il diritto di recesso, ha fatto sapere la società, «è subordinato alla circostanza che la High Court of England and Wales rilasci l'ordinanza di approvazione del perfezionamento della fusione fissandone la data di efficacia, e che tale ordinanza non sia stata annullata o revocata». La fusione è condizionata, tra l'altro, al fatto che GTech non abbia risolto l'accordo di fusione a seguito dell'esercizio del diritto di recesso da parte di azionisti di GTech rappresentanti oltre il 20% delle azioni della società in circolazione alla data di stipula dell'accordo di fusione. La NewCo dovrà approvare la fusione e lo farà nella prossima assemblea del 15 dicembre 2014.

Correlati

Potresti esserti perso